Istat: boom di multinazionali in Italia, +378 nel 2017

22 Novembre 2019, di Alessandra Caparello

L’Italia terra di competenza e specializzazione della forza lavoro, i primi fattori che attraggono imprenditori stranieri. Nel 2017 è salito il numero di imprese a controllo estero in Italia a +378 di cui quasi 300 nei servizi. Lo rivela l’Istat secondo cui nel biennio 2019-2020, tra le controllate estere in Italia il 31,5% programma un incremento dei livelli di attività, il 61,3% un mantenimento della dimensione economica, il 7,1% un ridimensionamento.

Aumenta nel 2017 il numero di imprese a controllo estero in Italia

Nel 2017 quindi, certifica l’istituto nazionale di statistica, continua l’espansione delle multinazionali estere in Italia e delle italiane all’estero. Le prime consolidano il contributo positivo alla crescita del sistema produttivo italiano, le seconde rafforzano la prospettiva di crescente apertura e integrazione internazionale.

In Italia sono attive 14.994 imprese a controllo estero, le quali occupano quasi 1,4 milioni di addetti (+4,0% rispetto al 2016), fatturano (al netto di attività finanziarie e assicurative) oltre 572 miliardi di euro (+6,1%), realizzano un valore aggiunto di quasi 119 miliardi di euro (+5,0%i) e quasi 17 miliardi di investimenti fissi lordi.
Contribuiscono inoltre alla spesa in ricerca e sviluppo per oltre 3,3 miliardi.

USA il paese con il più alto numero di imprese a controllo estero in Italia

Le multinazionali estere contribuiscono ai principali aggregati economici nazionali dell’industria e dei servizi con l’8,0% degli addetti (+0,1 punti percentuali rispetto al 2016), il 18,5% del fatturato (+0,2 punti) il 15,3% del valore aggiunto (+0,2 punti) e il 17,5% degli investimenti (+3,1 punti).
Il primato di paese con il più alto numero di imprese a controllo estero in Italia va agli Stati Uniti. (oltre 157 mila addetti nell’industria e quasi 112 mila nei servizi).

I primi dieci paesi di residenza delle multinazionali estere per numero di imprese controllate in Italia assorbono l’86,9% degli addetti, l’82,3% del fatturato e l’85,3% del valore aggiunto. Gli Stati Uniti sono il paese con il più elevato numero di imprese e addetti a controllo estero in Italia (2.314 imprese, con oltre 284 mila addetti).
Segue la Germania, con 2.073 imprese e quasi 181 mila addetti, e la Francia con 1987 imprese e oltre 271 addetti Per l’industria, segue la Cina che, con oltre 92 mila addetti impiegati, supera la Romania (oltre 90 mila addetti) mentre per i servizi seguono il Brasile (oltre 73 mila addetti ) e la Germania (quasi 67 mila).