iPhone: sensore impronte digitali già violato

23 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Alcuni hacker del Chaos Computer Club (CCC), organizzazione con sede in Germania, hanno dimostrato che ci vuole ben poco per creare un dito finto e sbloccare il TouchID del nuovo iPhone 5s.
Basterebbe un’impronta digitale dell’utente, che possiede il telefono, fotografata da una superficie di vetro per così creare un dito finto.

La Apple ha presentato pochi giorni fa il nuovo iPhone con un sensore di impronte digitali, a detta loro, molto più sicuro di quello precedente. A conti fatti le cose non sembrano stare proprio così.

L’hacker soprannominato Starbut, ha voluto precisare: “In realtà, il nuovo sensore della Apple ha solo una risoluzione maggiore rispetto a quelli precedenti. Sono anni che diciamo che le impronte digitali non dovrebbero essere utilizzate per questo tipo di cose. Il motivo è semplice, le si lascia ovunque ed è fin troppo facile ricreare delle dita finte”

Frank Rieger, portavoe del CCC, ha aggiunto: “Ci auguriamo che questo metta finalmente fine all’illusone che hanno le persone sulla biometrica. Questa è una tecnologia che viene usata soprattutto per l’oppressione e il controllo e non per proteggere i dispositivi che usiamo tutti i giorni”

Ecco il video che mostra nel dettaglio quanto sia semplice sbloccare il Touch Id: