IPC connette migliaia di traders nei sei continenti

15 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – IPC Systems Inc., leader indiscusso nell’offerta di soluzioni di comunicazione mission-critical in ambito finanziario, annuncia che il proprio network finanziario ha raggiunto la quota di 4.000 controparti connesse in rete, una crescita significativa per questo network che, nel 2007, contava solo 1.000 siti. Questo traguardo, si legge in una nota, riflette la crescente richiesta in ambito finanziario di servizi di connettività dedicati, sicuri e a bassa latenza. Il network finanziario di IPC unisce 200 città in 60 nazioni nei sei continenti mettendo in comunicazione migliaia di controparti all’interno di una singola community. IPC ha dato inizio più di 15 anni fa ad un progetto di extranet finanziaria inizialmente focalizzata su un’infrastruttura per la connettività voce per il trading. Oggi IPC è diventata leader di mercato anche in questo settore (fonte: Kimsey Consulting), incrementando le vendite dell’Enhanced Voice Service del 75% in un solo anno. Inoltre, l’offerta di Electronic Connettivity Services (ECS) di IPC è cresciuta dell’88%, con un significativo aumento di località attive, facendo dell’azienda una scelta logica nel momento in cui gli utenti sono alla ricerca di soluzioni di connettività verso mercati nuovi o alternativi o dei più moderni strumenti finanziari. “La nostra totale focalizzazione verso il mercato finanziario ci ha permesso di progettare gli Electronic Connectivity Services dal nulla e di farli diventare un supporto alle applicazioni di trading elettronico, sulle quali i player di mercato fanno sempre più affidamento”, ha commentato Dave Brown, senior vice presidente, Global Network Operations in IPC. “L’importante programma di investimenti fatto negli ultimi tre anni per espandere ed aggiornare il network mondiale ci ha dato la possibilità non solo di raddoppiare i chilometri di rete, ampliando in modo significativo la portata geografica, ma anche di aggiornare in modo continuativo l’infrastruttura di rete costruita ad-hoc, assicurando una connettività scalabile ad alte prestazioni senza queuing. Negli ultimi 3 anni la nostra espansione è stata aiutata dalla combinazione di prestazioni a bassa latenza, sicurezza ed affidabilità che forniranno la base per una crescita continua”.