Investire in criptovalute: i consulenti spiegano quanto puntare

6 Luglio 2021, di Alessandra Caparello

Quanto investire in bitcoin e criptovalute è una delle domande che i clienti rivolgono ai loro consulenti finanziari. Ma quando si tratta di investire nella nuova e altamente volatile asset class delle valute digitali, la maggior parte dei consulenti finanziari dimostra una certa saggezza.

Non investire più di quanto puoi permetterti di perdere dicono in sostanza. “Non vorrete trovarvi in una situazione in cui state perdendo il sonno”, dice un consulente alla Cnbc. 

Non investire in criptovalute se prima non hai “la casa in ordine”

Anjali Jariwala, pianificatore finanziario e fondatore di FIT Advisors a Torrance, California, raccomanda ai clienti di investire in criptovalute finché “non hanno la loro casa in ordine”. Cosa significa?
In altre parole, avere un solido conto di risparmio d’emergenza a cui rivolgersi, saver messo da parte un importo preciso per la pensione ed essere in generale sulla buona strada per qualsiasi altro obiettivo, come mandare un figlio all’università o comprare una casa.

Se un cliente ha controllato tutte queste caselle, ha detto Jariwala, investire in criptovalute può essere un’opzione. Ma quanto denaro investire?

Per trovare una cifra esatta, Jariwala prende in prestito la regola standard di quanto denaro si dovrebbe mettere in un particolare titolo: non più del 3% del loro portafoglio. Altri consulenti impostano la loro percentuale al 2%, e “il 5% è il più alto che ho sentito dal punto di vista di un consulente”.

Per esempio, se un consulente decide che il portafoglio di un cliente non dovrebbe contenere più del 30% di azioni, dovranno vendere azioni se c’è un enorme rialzo nel mercato per mantenere la loro percentuale di azioni sotto quella soglia. Eppure, recentemente, Jariwala ha avuto un cliente la cui esposizione alle criptovalute è salita al 6% dal 3% ma non ha raccomandato di vendere.

“Mi sta bene che mantengano quell’investimento perché non mi piace quando le persone entrano ed escono da un investimento troppo rapidamente”, ha detto. “È difficile applicare le mie normali regole empiriche per il riequilibrio”.

Alcune persone dovrebbero probabilmente stare alla larga dalle criptovalute, ha detto un altro consulente facendo riferimento a coloro che non hanno soldi che possono permettersi di perdere e i pensionati che vivono del loro portafoglio. Allo stesso tempo, ci possono essere alcune persone che possono investire più pesantemente nei token, anche se sono rare.

“L’unica volta che penso che vada bene per qualcuno investire un importo più grande di quello che raccomanderei è se si è giovani e si hanno molti anni davanti per recuperare  un buon flusso di reddito da un lavoro stabile. “In questa situazione, se dovessero perdere più di quanto si aspettavano, almeno hanno il tempo e il flusso di reddito continuo per recuperare i risparmi persi”.