Intesa SanPaolo: in autunno il primo basket bond per 50 Pmi

16 Settembre 2019, di Alessandra Caparello

Intesa SanPaolo a fianco delle imprese per finanziarsi a costi più bassi sul mercato grazie ai basket bond. Si tratta nel dettaglio di un programma di emissioni bond da un miliardo di euro da varare in più tranche per supportare le imprese a finanziarsi a costi più bassi sul mercato.  Ne parla su Il Sole 24 Ore Stefano Barrese.

Grazie ai basket bond, gli affidamenti delle imprese creditrici che accedono al programma vengono cartolarizzati in titoli (Asset backed securities, Abs) sottoscritti dalla banca stessa, per essere successivamente collocati sul mercato presso investitori istituzionali. «Vogliamo offrire un prodotto che guardi alle aziende con un profilo qualitativo di livello medio-alto, diversificato in base alle esigenze e che al contempo aiuti le aziende ad accedere al mercato dei capitali», spiega Barrese al Sole 24Ore.

Il vantaggio dei basket-bond è costituito dal principio mutualistico. Che da una parte consente «alle aziende di finanziarsi a costi più contenuti rispetto a un mini-bond tradizionale» mentre agli investitori «permette di investire nell’economia reale attraverso un prodotto dal rendimento interessante ma con un rischio più contenuto», aggiunge il manager.

Il primo basket bond del valore di circa 2-300 milioni, arriverà in autunno coinvolgendo una cinquantina di aziende sparse in tutta Italia con l’obiettivo finale emettere fino a un miliardo complessivo, per un totale di 200 Pmi.

L’Italia è ricchissima di Pmi con grandi potenzialità di crescita reddituale e che si distinguono per la loro capacità di affermarsi all’estero – conclude Barrese –. Vanno premiate e aiutate nei loro percorsi di innovazione e valorizzazione delle competenze e dei talenti del proprio capitale umano».