Inflazione: quali conseguenze per azioni e obbligazioni, il punto di Sperb (Flossbach von Storch)

14 Aprile 2022, di Massimiliano Volpe

Nel corso dell’evento Consulentia 2022 che si è tenuto a Roma la scorsa settimana abbiamo incontrato anche Walter Sperb, capital market strategist di Flossbach von Storch, con il quale abbiamo affrontato il tema dell’inflazione in questo particolare momento storico.

 

L’inflazione ha raggiunto livelli record anche in Europa. Quanto pensa che dureranno questi alti livelli di inflazione?

A marzo, l’inflazione in Italia è stata al 6,7%, la più alta in più di 30 anni. I prezzi stanno aumentando ancora più velocemente in altri paesi europei, per non parlare degli Stati Uniti. A nostro parere, l’inflazione dovrebbe calare leggermente nel medio termine, ma rimanere molto al di sopra dei vecchi livelli (e dell’obiettivo della banca centrale del 2 per cento).
Naturalmente, questo è dovuto principalmente ai prezzi dell’energia, ma non è solo la guerra in Ucraina ad alimentare l’inflazione. C’è un’ulteriore minaccia, per esempio l’aumento dei salari, specialmente negli Stati Uniti. A medio e lungo termine, le tre “D” sotto forma di deglobalizzazione, decarbonizzazione e demografia aggiungeranno ulteriori fattori di inflazione. Gli effetti economici di un incombente conflitto Est-Ovest con Europa e America da una parte e Russia e Cina dall’altra non sono prevedibili. In fondo, l’inflazione è sempre una questione di politica monetaria. Tuttavia, la lotta contro l’aumento dei prezzi trova i suoi limiti quando il ritiro della liquidità e l’aumento dei tassi d’interesse mettono in pericolo la stabilità dei mercati finanziari. Ma non siamo ancora arrivati a questo punto. In questo senso, tassi d’interesse più alti sono pensabili e probabili – ma rimarranno ad un livello molto moderato. Ciò che è decisivo per gli investitori privati, tuttavia, è sempre il tasso di interesse reale.
E questo ha segnato nuovi minimi storici nella zona euro e negli Stati Uniti. È improbabile che i tassi d’interesse reali negativi cambino nel prossimo futuro – con rischi corrispondenti per i patrimoni privati.

 

Come si comportano i portafogli obbligazionari in un ambiente di alta inflazione?

L’alta inflazione sta aumentando la pressione sulle banche centrali per alzare i tassi di interesse. In questo contesto, la tendenza all’aumento dei rendimenti obbligazionari ha recentemente subito un’ulteriore accelerazione, il che ha pesato molto sui mercati obbligazionari. A nostro avviso, è probabile che la tendenza all’aumento dei tassi di interesse continui per il momento.
Fondamentalmente, non vediamo un buon equilibrio tra opportunità e rischi nel mercato obbligazionario al momento. Questo non significa, ovviamente, che non ci siano più opportunità selettive e che le obbligazioni stiano perdendo completamente la loro funzione nei portafogli difensivi. Le obbligazioni offrono fondamentalmente ulteriori opportunità di guadagno rispetto alla sola cedola e i rendimenti futuri sono più facilmente prevedibili rispetto ai rendimenti azionari.

 

Quali classi di attività offrono la migliore protezione contro l’inflazione?

Attualmente stiamo vivendo una repressione finanziaria. I beni reali sono la prima scelta, soprattutto le azioni liquide, che di solito sono valutate in maniera minore rispetto al recente aumento dei prezzi degli immobili. A nostro parere, tuttavia, l’ampio mercato azionario non è la soluzione al momento. Solo azioni accuratamente selezionate di società con potere di fissazione dei prezzi offrono ancora opportunità a lungo termine di fronte all’imminente stagflazione. Solvibilità, flessibilità, integrità nella gestione e modelli di business attraenti sono gli aspetti fondamentali.
D’altra parte, tendiamo a sconsigliare le aziende il cui sviluppo è fortemente dipendente dall’economia. Qui, c’è sempre la minaccia di vere e proprie oscillazioni di prezzo (non solo nel contesto attuale). L’oro è la nostra assicurazione contro possibili crisi del sistema finanziario e monetario. I rischi a tal riguardo non sono diminuiti di recente.