INFLAZIONE: E’ ALLARME IN EUROLANDIA

12 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Nuovo allarme inflazione in Eurolandia: a giugno i prezzi al consumo in Francia sono cresciuti dell’1,7% rispetto allo stesso mese dello scorso anno e dello 0,2% rispetto a maggio. Si tratta del secondo aumento consecutivo dei prezzi, imputabile soprattutto alla crescita delle quotazioni del greggio.

In Germania, sempre nel mese di giugno, la crescita del costo della vita è stato anche maggiore: il dato annuale dell’1,9% e’ vicino alla soglia massima del 2% indicata nel Trattato di Maastricht e nel Piano di convergenza per la moneta unica. La crescita mensile è stata pari allo 0,6%.

Il dato è tanto più importante in quanto l’economia tedesca rappresenta un terzo di quella complessiva di Eurolandia. Questa situazione aumenta le possibilità che la Bce (Banca centrale europea) operi una stretta monetaria più sensibile tra settembre e ottobre prossimi.