Indicatore sta per segnare codice rosso

21 Agosto 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Uno dei più importanti indicatori ‘real time’ per avere il polso del mercato sta per mandare un segnale di allarme da codice rosso.

È uno spread che viene solitamente utilizzato per anticipare lo scoppio di bolle di asset finanziari e periodi di recessione. Si tratta della differenza tra il rendimento dei bond societari ad alto rischio americani e il tasso del decennale del Tesoro Usa, il titolo pubblico di riferimento della prima economia al mondo.

Ebbene, lo spread ha raggiunto il livello di arancione. L’anno scorso era nella fascia della tranquillità (verde).

Il rendimento dei bond junk, secondo i dati a disposizione di Merrill Lynch, è in rialzo di 205 punti base dai minimi del 5,16% toccati il 24 giugno dell’anno scorso. Al momento vale il 7,21%.

Lo spread si è ampliato da 257 punti base a 501 punti base nello stesso arco di tempo. Ma i mercati continuano a essere troppo compiaciuti.

Può anche essere che gran parte dei problemi del mercato dei titoli junk siano nel settore energetico, che sta pagando il calo dei prezzi del greggio e che rappresenta il 17% del mercato totale.

È una quota molto importante, ma non sufficiente a giustificare il contagio nei mercati del credito. L’impressione è che gli investitori stiano ignorando i segnali di allarme che arrivano, come dimostra anche il rapporto tra i livelli del Nasdaq 100 e quelli dell’indice della volatilità. Dai primi del 2012 a oggi il gap tra i due indici è rimasto relativamente sotto controllo senza grandi sbalzi.

(DaC)