India alza ancora tassi, sorprende banca centrale Australia

2 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Cresce il costo del denaro nell’area Asia-Pacifico, che conferma robusti tassi di crescita ma anche pressioni inflazionistiche. L’India e l’Australia hanno così annunciato ritocchi al rialzo dei tassi di interesse. Mossa a sorpresa della Banca centrale australiana, che ha aumentato il costo del denaro a causa degli elevati rischi inflazione. La Reserve Bank of Australia ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base, portandoli al 4,75%. Si tratta del primo movimento dei tassi dallo scorso mese di maggio ed ha sorpreso gli economisti che scontavano una bassa probabilità di rialzi dei tassi di interesse. L’effetto delle decisioni di politica monetaria si è visto subito sul dollaro australiano, che ha fatto un balzo nei confronti del biglietto verde, salendo da circa 0,988 USD a 9,9995 dollari, molto vicino alla parità. Il dollaro australiano si conferma così sui massimi di sempre nei confronti della valuta americana. Crescono i tassi anche in India. La Reserve Bank of India ha infatti deciso di alzare il tasso sui prestiti di un quarto di punto, portando il tasso repo al 6,25% ed il tasso inverso al 5,25%, proseguendo l’aggressiva politica di contenimento dell’inflazione. Si tratta del sesto rialzo quest’anno