Indesit “vuole rimanere in Italia”. Con esuberi

9 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Il mercato premia le parole di Marco Milani, amministratore delegato e presidente di Indesit da qualche mese. Milano ha parlato di un “piano per rimanere in Italia”. L’azienda vuole fare il possibile per continuare a operare nel tessuto imprenditoriale italiano, anche con tutti i problemi che esso presenta.

Milano ha parlato anche di buone prospettivew per il 2014; il mercato premia il titolo, che sale oltre +6,5% a 7,3 euro e in tre sedute incamera un guadagno +15%. La forza lavoro, però, come al solito soffrirà: attesa infatti la convocazione del prossimo 17 settembre del tavolo ministeriale sul piano da 1.425 esuberi presentato dall’azienda.

Lo scorso 28 giugno, l’azienda ha dichiarato di essere stata “costretta ad effettuare il fermo produttivo, motivando la scelta di mettere in libertà gli operai dei due siti produttivi di Fabriano e decidendo di riavviare l’attività il 2 luglio, parlando di impossibilità di “approvvigionare correttamente le linee produttive”.