In buona salute e autonomi nella gestione finanziaria: l’identikit degli over 65

13 Agosto 2019, di Mariangela Tessa

In buona salute. Attivi nel tempo libero. Autonomi nella gestione finanziaria ed economicamente in grado di soddisfare le proprie esigenze, togliersi qualche sfizio e anche aiutare la famiglia.

È l’autoritratto degli over 65enni italiani, tracciato attraverso la ricerca “Smart Aging: over 65 e family caregivers a confronto”​ realizzata per Europ Assistance con il contributo scientifico di Humanitas da Lexis Research. Uno spaccato prezioso per conoscere meglio i senior italiani, che oggi costituiscono un segmento demografico dal peso specifico crescente, in termini quantitativi, e non solo.

Dalla ricerca condotta attraverso la realizzazione di 1292 interviste telefoniche, emerge che:

  • più della metà degli over 65 vive con il proprio partner, ma un quarto è rimasto solo;
  • circa l’85% ha figli. Quasi uno su 2 vede i propri parenti più stretti quotidianamente, ma il 15% meno spesso di una volta al mese;
  • in maggioranza (59%) hanno ancora una vita attiva, tra sport, gite e cinema. Tuttavia, sono molti (41%) che ammettono di non fare alcuna attività;
  • i senior continuano a viaggiare. Il 45% ha fatto una vacanza nell’ultimo anno, principalmente in Italia (65%) e per più di una settimana;
  • sono connessi ad internet anche da casa (56%) e uno su 2 possiede smartphone o pc.

Dalla ricerca emerge che la salute rimane un fattore cruciale: infatti, al 32% degli over 65 che si dichiara in buona salute si aggiunge un uguale 32% che considera il rischio malattia la prima delle preoccupazioni. Una tematica, quella dello stare in buona forma, molto sentita anche da chi assiste gli over 65, vale a dire i family caregiver: essi infatti temono eventuali imprevisti ed emergenze legate alle persone di cui si prendono cura e, in quei casi, il 75% di loro gradirebbe prima di tutto un aiuto e un supporto organizzativo.

Nonostante ciò, l’indagine evidenzia come il 59% degli over 65 svolga molte attività nel tempo libero (tra cui piscina, palestra, sport vari e gite fuori porta) e abbia ancora voglia di viaggiare: quasi la metà (45%) ha intrapreso almeno un viaggio nell’ultimo anno, in Italia o all’estero; il 66% degli over 65 ha dichiarato di avere disponibilità economiche a sufficienza per soddisfare le proprie necessità e di potersi per giunta levare qualche sfizio; il 31%, infine, riesce anche ad aiutare i propri familiari.

Per quanto riguarda la gestione economica e finanziaria, il 66% si dice in grado di soddisfare le proprie necessità ma anche a concedersi qualche sfizio e, in circa il 30% dei casi, ad aiutare anche i propri familiari.

Passando infine ad analizzare l’utilizzo delle tecnologie il 72% dei senior usa internet per comunicare tra email, chat, messaggi e social. Più è alto il livello di scolarizzazione più sale questa percentuale, arrivando al 78% tra gli over 65 laureati. Una percentuale non così distante da quella dei millennials diplomati che usano internet per comunicare, stimata nel 2018 dall’Istat all’89%. Un dato che ci fa capire come, in questo ambito, l’istruzione sia in grado di colmare, almeno in parte, il gap generazionale. Il 37% di tutti gli intervistati è attivo nello specifico sui social.