Immobiliare è l’investimento a lungo termine prediletto dai millennial negli Usa

12 Settembre 2019, di Alessandra Caparello

L’investimento di lungo termine preferito dai millennial è l’immobiliare. Lo dice una ricerca condotta recentemente negli Stati Uniti da Bankrate e SSRS evidenziando una sorprendente predilezione da parte dei giovani per la scelta immobiliare, addirittura superiore a quella azionaria, tradizionale leader nel mercato di Oltreoceano.

“Quale pensi sia la migliore opzione di investimento per quella parte di liquidità di cui non ritieni di aver bisogno nei prossimi 10 anni?” è la domanda a cui il 31% degli intervistati ha risposto indicando gli immobili. Tradizionalmente indicata come poco incline a comprare l’abitazione in cui vive, la generazione Y è quella che ama più degli altri l’investimento immobiliare. Per il 36% dei millenial, addirittura, quello immobiliare è il miglior investimento.

“Si tratta di un trend per certi versi sorprendente, che apre opportunità davvero interessanti per le piattaforme di crowdfunding immobiliare come Housers”, ha commentato João Távora, International Managing Director di Housers per Italia e Portogallo. Housers è una piattaforma di crowdfunding immobiliare nata in Spagna nel 2015 e attiva in Italia dal 2017.  La piattaforma online di investimento immobiliare si basa sul modello di finanziamento partecipativo e rendere democratico e accessibile a chiunque il mercato immobiliare, dando la possibilità di investire a partire da un capitale minimo di soli 50 euro.

“Più di ogni altra categoria di consumatori, i millennial hanno grande familiarità con le tecnologie e con il web, e poter accedere a una piattaforma Internet per i propri investimenti immobiliare può davvero avere un grande appeal.”