Immobiliare: attici, gli acquirenti preferiscono i tagli più grandi

25 Novembre 2019, di Mariangela Tessa

L’attico rappresenta una piccola fetta delle compravendite immobiliari, ma quando si tratta di scegliere il taglio, la maggior parte degli acquirenti preferisce quelli più grandi, ovvero quelli compresi tra 101 e 150 mq che compongono il 47,2% delle transazioni. A seguire, con il 33,1% delle scelte, ci sono gli attici con ampiezza compresa tra 51 e 100 mq.

È quanto emerge dall’analisi delle compravendite delle agenzie affiliate Tecnocasa e Tecnorete, nel primo semestre del 2019, da cui è emerso che lo 0,7% è costituito da attici.

Gli attici si acquistano soprattutto come abitazione principale (87,3%). Bassa la percentuale di compravendite per investimento che si attesta al 7,9%, percentuale comunque in crescita rispetto al primo semestre del 2018 quando si fermava al 6,6%. Da segnalare anche un 4,8% di acquisti di attici da utilizzare come casa vacanza.

L’età degli acquirenti è compresa tra 35 e 54 anni nel 56,7% dei casi e tra 18 e 34 anni nel 23,1% dei casi. A comprare attici sono soprattutto coppie e coppie con figli che in totale compongono il 70,9% degli acquirenti, mentre sono single il 29,1% degli acquirenti.

Infine, la compravendita di attici avviene in contanti nel 54,5% dei casi, mentre il 45,5% degli acquisti avviene grazie all’ausilio di un mutuo.