Il sommario del numero di marzo 2021 di Wall Street Italia

24 Marzo 2021, di Alessandro Piu

È online il numero di marzo 2021 di Wall Street Italia il mensile di economia, consulenza finanziaria e lifestyle

Il numero di marzo del mensile Wall Street Italia si è messo sulle tracce di Marco Polo per esplorare la Cina, una potenza economica e commerciale proprio come ai tempi del mercante veneziano. Oggi guardiamo alla Cina come alla grande novità emergente, anzi in larga parte già emersa, ma semplicemente l’ex Impero di Mezzo ha riassunto il ruolo che ha avuto per diciotto degli ultimi venti secoli. Ad affermarlo, nell’articolo scritto per Wall Street Italia è Giuliano Noci, prorettore del Polo territoriale cinese del Politecnico di Milano.

La Cina sul tetto del mondo

La Cina sul tetto del mondo come si intitola l’articolo-intervista di cover del numero di marzo, è quindi solo un ritorno. Lorenzo Alfieri, responsabile per l’Italia di J.P. Morgan AM, colosso dell’asset management presente in Cina da 100 anni, ha parlato con Wall Street Italia del ruolo crescente e in alcuni casi già dominante della Cina nel contesto mondiale e delle prospettive di crescita ancora ampie con una classe media numerosa e sempre più agiata.

Ma se si parla di Cina, non si può ignorare il tema Covid-19 che lì ha avuto origine. Qualsiasi notizia in arrivo dalla Repubblica Popolare va analizzata con attenzione eppure due dati appaiono incontrovertibili. La Cina è stata l’unica grande economia globale a chiudere il 2020 con una salita del Pil (+2,3%) ed è stata la prima a uscire dall’emergenza pandemica. Questo è il risultato non tanto di un regime democratico, ha spiegato a Wall Street Italia la sinologa e analista strategica di politica cinese Elenoire Laudieri, ma anche della responsabilità mostrata dai cinesi, una popolazione che antepone il bene comune, il bene della Cina, ai propri egoismi.

L’assertività della Cina sullo scenario globale ha portato, inevitabilmente, al confronto diretto con gli Stati Uniti. Un tema che ha affrontato, toccando anche la posizione dell’Europa in questo confronto, il giornalista ed esperto di economia Alan Friedman.

Sono solo alcuni dei temi affrontati nel dossier Il secolo della Cina del numero di marzo di Wall Street Italia, che spazia dal ruolo dei porti italiani nella Nuova Via della Seta, alla presenza della Cina nei portafogli degli investitori e dei risparmiatori, al ruolo dello yuan come valuta di riserva internazionale, al nuovo sentiero di sviluppo tracciato nel quattordicesimo Piano quinquennale, dove alla circolazione esterna che ha spinto la Cina fino ad ora, si affianca la circolazione interna, ossia lo sviluppo del mercato del consumo domestico e dell’industria di qualità.

Lifestyle

La copertina di WSI Lifestyle è dedicata Gaia Bermani Amaral. L’attrice italo-brasiliana protagonista del film L’ultimo paradiso si racconta ai lettori di Wall Street Italia: i suoi personaggi, la passione per la scrittura e i progetti futuri. La cover story è accompagnata dalle fotografie della fotografa Keila Guilarte.

All’interno di Lifestyle spazio al designer libanese Elie Saab, uno dei massimi esponenti della Haute Couture del ventunesimo secolo e al servizio fotografico Reflections by the lake.