Il petrolio sale dopo il taglio alla produzione dell’Opec+

5 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono saliti di oltre il 3% oggi dopo che i paesi produttori, riuniti nell’Opec+, hanno concordato un piccolo taglio alla produzione per rafforzare i prezzi. I future sul greggio Brent con consegna a novembre sono saliti a 96,78 dollari al barile, con un aumento del 4,02%. Il greggio US West Texas Intermediate è salito del 3,75%, a 90,12 dollari, dopo un aumento dello 0,3% nella sessione precedente. Ricordiamo che i mercati statunitensi sono chiusi per il labor day.

I tagli alla produzione di petrolio

I produttori di petrolio a ottobre ridurranno la produzione di 100.000 barili al giorno, pari solo allo 0,1% della domanda globale, e hanno anche concordato di incontrarsi in qualsiasi momento per adeguare la produzione, anche prima della prossima riunione programmata il 5 ottobre. La decisione sostanzialmente mantiene lo status quo, poiché l’Opec ha osservato fluttuazioni marcate dei prezzi del petrolio, trainata da molteplici fattori in entrambe le direzioni. Matthew Holland, analista geopolitico di Energy Aspects, ha commentato:

“L’Opec+ è diffidente nei confronti della prolungata volatilità dei prezzi generata dal sentimento macroeconomico debole, dalla scarsa liquidità e dal rinnovato blocco della Cina, nonché dall’incertezza su un potenziale accordo Usa-Iran e dagli sforzi per creare un tetto massimo del prezzo del petrolio russo”.

Il mese scorso, il principale produttore dell’Opec l’Arabia Saudita, aveva segnalato la possibilità di tagli alla produzione per affrontare un calo esagerato del prezzo del petrolio. I segnali dal mercato fisico, tuttavia, suggeriscono che l’offerta rimane limitata e molti stati dell’Opec stanno producendo al di sotto degli obiettivi, mentre nuove sanzioni occidentali stanno minacciando le esportazioni russe. La Russia ha affermato che smetterà di fornire petrolio ai paesi che sostengono l’idea di limitare il prezzo delle forniture energetiche russe a causa del conflitto militare in Ucraina.

Dubbi sull’accordo con l’Iran

I prezzi del petrolio sono scesi negli ultimi tre mesi dai massimi pluriennali toccati a marzo, spinti dai timori che l’aumento dei tassi di interesse e il contenimento del COVID-19 in alcune parti della Cina possano rallentare la crescita economica globale e intaccare la domanda di petrolio. Intanto le misure di blocco nell’hub tecnologico meridionale cinese di Shenzhen sono diminuite poiché le nuove infezioni hanno mostrato segni di stabilizzazione, sebbene la città rimanga in alta vigilanza.

Nel frattempo, i colloqui per rilanciare l’accordo nucleare dell’Occidente del 2015 con l’Iran, che potrebbe fornire una spinta all’offerta dal greggio iraniano che torna sul mercato, hanno trovato un nuovo intoppo. L’Iran dovrebbe aggiungere 1 milione di barili al giorno alla fornitura, o l’1% della domanda globale, se le sanzioni saranno allentate, anche se venerdì le prospettive per un accordo nucleare sembravano meno chiare.

La Casa Bianca venerdì ha respinto la richiesta dell’Iran per un accordo, da collegare con la chiusura delle indagini da parte dell’Onu per il controllo nucleare, ha affermato un diplomatico occidentale.

L’Agenzia internazionale per l’energia (Aiea) il mese scorso ha aumentato le sue previsioni sulla domanda di petrolio per l’anno, in parte perché prevede il passaggio dal gas al petrolio in alcuni paesi a causa dei prezzi record del gas naturale e dell’elettricità.