Il legno tropicale è nella nostra vita di tutti i giorni; la risposta di Asia Pulp & Paper (APP

di Redazione Wall Street Italia
24 Maggio 2012 22:06

Nel suo ennesimo rapporto “Junking the Jungle”, GreenPeace ancora una volta intende truccare la realtà e confondere la pubblica opinione riguardo il legno tropicale (MTH legno tropicale misto). La verità è che la presenza di fibre di legno tropicale misto (MTH) non rivela affatto se un prodotto sia sostenibile o non sostenibile. E’ assolutamente possibile che fibre di MTH provengano da fonti legali e sostenibili. Infatti, un test indipendente effettuato da Covey Consulting in Australia l’anno scorso ha mostrato che fibre di MTH erano presenti in molti prodotti approvati dallo FSC, Forest Stewardship Council, con Certificazione ‘Mixed Source’ (Fonti Miste). Il legno tropicale misto MTH può facilmente essere trovato nella carta riciclata, oppure può provenire dal raccolto sostenibile di legnameda alberi da foresta pluviale primaria. Può anche provenire da residui di legname raccolto dopo che un’area forestale ha subito degrado, è stata disboscata o bruciata, come parte di un piano di recupero per un suo sviluppo sostenibile. Il legno tropicale misto MTH, che GreenPeace nel suo rapporto definisce come “fibra di legno da foresta pluviale (‘rainforest fiber’)”, si può trovare nella nostra vita di tutti i giorni. Lo si può trovare nel parquet di casa, nei mobili, negli elementi decorativi in legno, nei giocattoli e negli strumenti musicali e in molti altri prodotti. Per quanto riguarda i prodotti APP, il legno tropicale misto MTH NON proviene dall’abbattimento di alberi di foresta vergine tropicale in Indonesia. APP ha impostato rigide politiche e prassi per assicurare che entrino nella filiera di produzione solo ed esclusivamente fibredi legname sostenibile e i residui provenienti da sviluppo di selvicoltura legale su aree forestali in degrado, disboscate illegalmente o bruciate. Proprio nel corso della scorsa settimana, APP ha annunciato un ulteriore ampliamento alla sua strategia ambientale adottando lo standard ‘High Conservation Value Forest (HCVF)’ internazionalmente in un’ottica di conservazione delle preziose risorse naturali dell’Indonesia. APP si sta già adoperando per rendere operative questo standard internazionale socio-ambientale sviluppato dallo HCV Resource Network. Il nostro annuncio è stato accolto con favore dal Governo dell’Indonesia, dagli ambientalisti, e dai portatori d’interesse del settore. Apprezziamo fortemente il loro supporto ai nostri sforzi volti a far evolvere le nostre attività per proteggere ulteriormente le foreste HCVF ad alto valore ambientale, e tra questi sforzi è compreso il nostro impegno formale a sospendere qualsiasi attività di disboscamento di foresta naturale nelle nostre concessioni a partire dal prossimo 1° giugno 2012. APP non accettaquesta distorsione dei fatti da parte di GreenPeace. Chiediamo che GreenPeace termini di ritrarre l’Indonesia e le sue principali aziende come gli ‘incivili’ nella lotta contro il cambiamento climatico in un momento in cui il nostro Governo, APP e il resto della società indonesiana stanno facendo enormi sforzi per preservare le nostre foreste pluvialie per ridurre le emissioni di gas serra in maniera sostanziale nel corso dei prossimi dieci anni. A PROPOSITO DI APP Asia Pulp and Paper (APP) è il marchio-ombrello per prodotti cartari che sono prodotti da diversi stabilimenti in Indonesia: PT. Indah Kiat Pulp & Paper Tbk, PT. Pindo Deli Pulp & Paper Mills, PT. Pabrik Kertas Tjiwi Kimia Tbk., PT. Lontar Papyrus Pulp & Paper Industries, e PT. Ekamas Fortuna. Il Gruppo APP ha i propri quartieri generali in Indonesia e commercializza i propri prodotti in oltre 120 Paesi. La maggior parte degli stabilimenti si fregiano della certificazione Chain-of-Custody attribuita da LEI e PEFC. APP presta il proprio sostegno a varie iniziative di tutela e salvaguardia della natura, tra queste si contano: i 178.000 ettari della Biosphere Reserve della regione di Giam Siak Kecil Bukit Batu nella provincia di Riau e un’area di 106.000 ettari di riserva naturale per il Santuario delle Tigri di Sumatra nella foresta di Senepis, sempre nella provincia di Riau, Sumatra. Altre iniziative di tutela della natura comprendono il sostegno al Kutai Orangutan Program nel Kalimantan e la tutela della specie del Rinoceronte di Giava nel Parco Nazionale di Ujung Kulon. Per ulteriori informazioni: www.asiapulpandpaper.com

IndonesiaAPP IndonesiaRedita [email protected] AmericaCohn & WolfeNaomi Bata, +1 312 596 [email protected] & WolfeT: +44 7331 [email protected]