IL GIRO DEL MONDO A METANO

1 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 1 giug – 142 giorni per percorrere 45.000 chilometri: questi i dati principali del viaggio intorno al mondo compiuto da un equipaggio tedesco a bordo di un normalissimo Volkswagen Caddy Ecofuel. L’unica particolarità dell’auto usata sta nell’alimentazione, rigorosamente ed esclusivamente a metano. A darne notizia l’Osservatorio Metanauto, struttura di ricerca di Metanauto, la più importante manifestazione congressuale ed espositiva che si tiene in Italia, la cui decima edizione avrà luogo a Bologna nella prima decade di ottobre di quest’anno. Il Caddy ecologico ha terminato il suo tour a Leipzig dopo essere passato attraverso i cinque continenti ed aver affrontato situazioni complicate ed una serie di imprevisti come freddo e caldo estremo, cambi repentini di temperatura e strade a dir poco dissestate in cui guidare era molto problematico. L’equipaggio, composto esclusivamente da tedeschi, poteva però contare su un mezzo affidabile ed ecologico, grazie alla sua alimentazione a metano, che non ha dato alcun problema per l’intera durata del tragitto, funzionando “come un orologio”, come gli stessi protagonisti hanno dichiarato. Il problema degli approvvigionamenti di carburante è stato brillantemente risolto grazie all’aggiunta di nove serbatoi rispetto ai quattro di cui il veicolo era già dotato, per un’autonomia totale di 2500 chilometri. Il consumo totale, per una distanza di 45.000 chilometri, è stato di 3200 chili di metano, con un risparmio nei confronti dei veicoli alimentati a benzina, di circa 3000 euro, secondo i prezzi dei carburanti praticati in Germania. Le emissioni di CO2, inoltre, sono state inferiori di 1,9 tonnellate in confronto con quelle di un veicolo diesel convenzionale.