Il dollaro frena, come vanno l’Euro e le altre valute

di Gianmarco Carriol
17 Maggio 2022 18:22

Il dollaro si è indebolito per il terzo giorno consecutivo, penalizzato dal miglioramento del sentiment sui mercati globali che ha incoraggiato gli investitori a reinvestire in valute più rischiose e ridurre le scommesse sul biglietto verde vito come bene rifugio, che la scorsa settimana ha toccato il massimo da due decenni.

Un commento aggressivo del capo della banca centrale olandese Klaas Knot ha aiutato l’euro a risalire sopra $1,05 per la prima volta da giovedì, spazzando via i timori che la valuta comune fosse sulla buona strada per l’imminente parità con il dollaro.

Knot ha affermato che non solo la Banca centrale europea ha deciso di aumentare i tassi di 25 punti base a luglio, ma è anche pronta a considerare un aumento maggiore se l’inflazione si fosse rivelata superiore alle attese.

Kenneth Broux, strategist valutario presso Société Générale di Londra, ha affermato che, sebbene i mercati fossero molto scettici su un aumento di 50 punti base a luglio, stavano comunque rafforzando le loro scommesse sugli aumenti complessivi dei tassi di interesse fino al 2022.

“La domanda è cosa viene dopo (luglio) e quanto velocemente salgono”, ha affermato, osservando che i mercati monetari stavano ora scontando circa 105 punti base di aumenti dei tassi della BCE entro fine anno contro i 95 di lunedì scorso.

A seguito dei commenti di Knot, l’euro ha rapidamente più che raddoppiato i suoi guadagni a oltre l’1%, a $1,0542.

Le preoccupazioni che l’escalation delle tensioni con la Russia possa portare a un embargo sul gas, una recessione nella zona euro e impedire alla BCE di alzare i tassi di interesse, hanno pesato sulle prospettive della valuta comune.

Non solo dollaro sui mercati valutari

Anche la sterlina ha approfittato dell’indebolimento del dollaro per balzare dell’1,4% al livello più alto dal 5 maggio dopo che i forti dati del mercato del lavoro hanno rafforzato le aspettative che la Banca d’Inghilterra avrebbe continuato ad aumentare i tassi per combattere l’inflazione.

Anche il dollaro australiano ha fatto la sua parte nell’aggiungere pressione al dollaro.

È aumentato dello 0,85% a $ 0,7031, riprendendosi ulteriormente dal minimo di due anni toccato la scorsa settimana e potrebbe ottenere un ulteriore impulso dalle aspettative sui tassi di interesse se i dati sui salari superano le aspettative mercoledì.

La banca centrale australiana ha considerato un aumento più marcato dei tassi di interesse durante la riunione di maggio, come hanno mostrato i verbali pubblicati martedì, con un forte accenno che aumenterà di nuovo a giugno.

Lo yuan offshore cinese ha guadagnato lo 0,9% dopo un forte calo che lo ha fatto scendere di circa il 7% da metà aprile.

Martedì, Shanghai ha registrato tre giorni consecutivi senza nuovi casi di COVID-19 al di fuori delle zone di quarantena, una pietra miliare che in altre città ha segnato l’inizio della revoca delle restrizioni.

Il respiro della valuta statunitense ha spinto l’indice del dollaro in ribasso dello 0,79% a 103,35, circa l’1,5% al ​​di sotto del massimo degli ultimi due decenni di 105,010.

“Il dollaro si è ritirato dopo una serie molto forte di guadagni, si sta stabilizzando principalmente a un livello elevato”, ha commentato Lee Hardman, analista valutario presso MUFG Bank, durante le contrattazioni mattutine europee quando il calo del dollaro è stato più moderato.

Hardman ha affermato che era difficile vedere un cambiamento duraturo nei fondamentali che stavano sollevando il dollaro tra le preoccupazioni per la crescita economica globale.

“Il fattore chiave è che l’economia statunitense sta sovraperformando il resto del mondo”, ha affermato, sottolineando le preoccupazioni per la zona euro e la Cina in particolare.

Nonostante tutti i venti contrari a breve termine, si prevede che la forza del biglietto verde rimarrà una forza trainante nel 2022 finché la Federal Reserve statunitense continuerà ad attuare un nuovo ciclo di stretta monetaria.