Il Consiglio europeo per i pagamenti lancia gli schemi di addebito diretto SEPA

13 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il Consiglio europeo per i pagamenti (EPC) lancerà lo schema di addebito diretto di base (core) SEPA e lo schema di addebito diretto per il mercato corporate (B2B) SEPA il 2 novembre 2009. Tutte le filiali delle banche appartenenti all’area dell’euro devono essere raggiungibili per gli addebiti diretti core SEPA entro il 1o novembre 2010 come specificato dalla normativa UE. L’EPC conferma che ad oggi 2.607 banche, rappresentanti circa il 70% dei volumi di pagamento SEPA, hanno sottoscritto i nuovi schemi e sono pronte a offrire i servizi di addebito diretto SEPA dal 2 novembre 2009; di queste, 2.366 banche offrono servizi sia core sia B2B. Per la prima volta, i servizi di addebito diretto permetteranno ai clienti di effettuare e ricevere pagamenti di addebito diretto in euro sia sul territorio nazionale che fra i 32 paesi appartenenti all’Area Unica dei Pagamenti in Euro (Single Euro Payments Area – SEPA): i 27 stati membri dell’Unione Europea e Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Monaco. La SEPA è un’iniziativa supportata dall’ ECOFIN, dalla Commissione Europea, dal Parlamento Europeo e dalla Banca Centrale Europea; rafforza la valuta comune sviluppando un gruppo di schemi armonizzati per i pagamenti elettronici in euro. http://www.europeanpaymentscouncil.eu/content_preview.cfm?page=epc_sdd_launch_media_kit Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Referente per la stampa presso l’EPCMeral Ruesing, Segreteria EPCTelefono: +32 2 733 35 33E-mail: meral.ruesing@europeanpaymentscouncil.eu