Il 2015 dei fondi parte col turbo

25 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Parte alla grande il 2015 del risparmio gestito in Italia. Secondo i dati preliminari di Assogestioni, nel mese di gennaio la raccolta netta è salita a 9,1 miliardi.

I fondi comuni, si legge in una nota, sono i principali interpreti di questo risultato, grazie a sottoscrizioni superiori a 6,4 miliardi di euro. Per le gestioni di portafoglio la raccolta ammonta a oltre 2,6 miliardi; 1,7 dalle gestioni retail e circa 1 miliardi provenienti dalle gestioni istituzionali.

I flessibili restano la categoria di fondo più gettonata, con una raccolta per 3,4 miliardi circa. La seconda categoria più forte, quella degli obbligazionari, ha raccolto circa la metà (1,73 miliardi), seguita da bilanciati (1,68 miliardi) e azionari (446 milioni). Negativi monetari (700 milioni circa) e hedge (100 milioni circa).

Nel complesso, il patrimonio gestito dall’industria rompe nel corso del mese il tetto dei 1.600 miliardi e vola oltre la quota record dei 1.622 miliardi di euro. Il 54% degli asset, equivalente a 876 miliardi, è investito nei mandati, mentre il restante 46%, circa 747 miliardi di euro, è impiegato nelle gestioni collettive (fondi aperti e fondi chiusi). (mt)