I droni americani hanno ucciso nel mondo quasi 5.000 persone

21 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, un senatore ha annunciato pubblicamente il numero delle vittime dei droni; numero che appare anche maggiore rispetto al calcolo che alcune società di ricerca avevano effettuato.

In un discorso proferito al Easley Rotary Club a Easley, nel South Carolina, il senatore repubblicano Lindsey Graham ha detto: “Abbiamo ucciso 4,700 persone. A volte vengono colpite persone innocenti, cosa che odio, ma siamo in guerra, e abbiamo colpito alcuni rappresentanti molto importanti di al-Qaida”.

Il portavoce di Lindsey Graham ha affermato che il bilancio deriva da un calcolo delle vittime fornite da una ong spesso citata dai media americani.

L’ultimo rapporto reso noto dalla Stanford University e dalla New York University lo scorso settembre, sotto il nome di ‘Living Under Drones’, ha rivelato che soltanto il 2% delle vittime dei droni sarebbero leader di al Qaida, mentre il ministro degli Interni del Pakistan ha denunciato che l’80% delle morti causate dagli aerei della morte sono civili.