HIGH TECH: L’ITALIA RALLENTA

16 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 16 mar – Nel periodo 2003-2005, malgrado la relativa ripresa dell’economia internazionale, l’Italia ha subito una caduta della quota di mercato nei prodotti high tech al di sotto del 2%. E’ quanto emerge dal Quinto Rapporto dell’Osservatorio Enea. Tale situazione riguarda la minore crescita e i “prezzi” pagati dal sistema economico nel suo complesso, sintetizzati in una perdita di risorse dovute al deficit negli scambi commerciali, pari a un punto percentuale di Pil, ma anche per il minore valore aggiunto accumulato dal nostro sistema produttivo e dai conseguenti minori livelli retributivi. L’analisi strutturale di questa anomalia italiana e la necessità di un cambiamento profondo delle politiche della ricerca, dell’innovazione tecnologica e dello sviluppo sono affrontate dal Rapporto anche attraverso una analisi preliminare dei percorsi alternativi perseguiti dai sistemi innovativi nazionali di maggior successo.