Gm accelera sugli emergenti, piano da 5 miliardi per spingere Chevrolet

28 Luglio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – L’obiettivo è quello di espandere la quota di mercato nei paesi emergenti, soprattutto Messico, Cina, India e Brasile, attraverso il marchio Chevrolet. Per far questo, la casa automobilistica americana Gm ha annunciato un mega piano di investimenti, pari a 5 miliardi di dollari.

Un piano che prevede tra le altre cose la produzione delle auto in partnership con la cinese Saic e la sostituzione, a partire dal 2019, del parco veicoli attualmente in vendita in questi mercati .

Il numero uno della società, Dan Ammann, ha detto che le due aziende si aspettando di vendere circa 2 milioni di veicoli fino al 2030, anno in cui GM prevede chegli emergenti rappresenteranno l’88% del suo giro d’affari.

La strategia di GM riflette un nuovo approccio per il marchio Chevrolet. Invece di offrire modelli di auto utilitarie create ad hoc dagli ingegneri nei mercati regionali, GM si concentrerà su una famiglia di vetture che condividono componenti simili e che saranno messe in vendita in tutto il mondo. Ciò – in base alle previsioni – dovrebbe contribuire a migliorare i margini.

“Crediamo che, nei prossimi 15 o 20 anni che la maggior parte della crescita avverrà al di fuori dei mercati maturi”, ha detto Ammann. “Sta a noi ora accelerare gli investimenti in questi mercati.”

A questo proposito, il colosso Usa stima che, entro il 2030, i mercati emergenti rappresenteranno il 55 per cento di crescita delle vendite. La Cina genererà da sola un altro 33 per cento mentre i mercati dei paesi avanzati rappresenteranno solo il 12 per cento dell’intera torta. (mt)