Gli eurolistini tornano nel segno meno dopo Wall Street

6 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – L’avvio incerto di Wall Street dissipa il poco ottimismo visto in Europa a metà giornata, con gli eurolistini che si riportano nel segno meno dopo il tentativo di ripresa intravisto a fine mattinata. Intanto la Bce ha deciso, come da attese, di lasciare i tassi di interesse fermi all’1%, con il presidente dell’Istituto Trichet che ha ribadito che i tassi attuali sono appropriati e che la ripresa economica è moderata, anche se potrebbe risultare discontinua a causa di alcuni fattori di disturbo come il forte aumento dei prezzi di commodities, petrolio e metalli preziosi e le fasi di “stress” dei mercati finanziari come quella che si sta osservando in queste settimane in scia al caso Grecia. Trichet ha comunque ribadito che per la Bce il rischio di default della penisola ellenica è fuori discussione, anche se tutti gli stati membri dell’Ue dovranno adottare forti e immediate misure per contenere il proprio debito. Deciso cambio di rotta per Madrid che ora è tra le pggiori piazze con un calo dello 0,96%, seguita da Parigi -0,72%, Bruxelles -0,41% e Londra -0,34%. Sulla parità Zurigo -0,04% e Amsterdam +0,02%. Da rilevare che Parigi, Bruxelles e Amsterdam sono rimaste ferme per qualche ora a causa di problemi tecnici sulla piattaforma Euronext.