Giù Wall Street dopo il declassamento di Apple

29 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Oggi le azioni a Wall Street sono crollate drasticamente cancellando i guadagni del rally del giorno precedente, il forte crollo delle azioni Apple ha pesato sulle medie principali. Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 395 punti, ovvero del 1,33%. L’S&P 500 e il Nasdaq Composite sono scesi rispettivamente dell’1,89% e del 2,68%.

Il sell-off è stato generalizzato a Wall Street, con solo tre azioni dell’S&P 500 scambiati in rialzo a un certo punto durante la sessione. Le azioni Apple sono scese di oltre il 4% dopo che Bank of America ha declassato il titolo tecnologico a neutrale da buy e ha tagliato il suo obiettivo di prezzo, citando che la domanda dei consumatori è più debole quest’anno per il produttore di iPhone. Robert Cantwell, portfolio manager di Upholdings, ha commentato: “Apple vuole solo che tu pensi che sia un problema macro e non un problema relativo al ciclo del prodotto. Ma la realtà è che hanno a che fare con entrambi in questo momento”.

I dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione migliori del previsto non hanno aiutato il sentiment di mercato; gli investitori credono che la Federal Reserve continuerà a fare aumenti aggressivi dei tassi d’interesse per combattere l’inflazione, danneggiando il mercato del lavoro.

Il rendimento dei Titoli del Tesoro USA a 10 anni è rimbalzato per essere scambiato a circa il 3,74%. Il giorno prima, ha registrato il calo in una giornata più grande dal 2020 dopo aver brevemente superato il 4%.

Non solo Wall Street: anche le azioni europee soffrono

Anche in Europa la mattinata è stata dura. L’indice azionario STOXX 600 è sceso del 2,3%, con l’euro e la sterlina, martellati nell’ultima settimana dalle preoccupazioni sul debito del Regno Unito, che hanno ricostruito solo parzialmente il terreno, rispettivamente in rialzo dello 0,1% e dello 0,7%.

Il rendimento del titolo di Stato tedesco a 10 anni, il punto di riferimento della zona euro, è balzato al 2,29%, dopo il dato a doppia cifra sull’inflazione in Nord Reno-Westfalia.

Il rendimento del Gilt a 10 anni del Regno Unito, che determina gli oneri finanziari del Regno Unito, è salito di circa 12 punti base al 4,13% dopo essere sceso di quasi 50 punti base il giorno prima a causa dell’intervento improvviso della BoE, sebbene il rendimento a 30 anni sia stato preso di mira dal banca centrale è stata poco cambiata al 3,96%.

Il primo ministro del Regno Unito Liz Truss ha difeso il suo nuovo programma economico, nonostante la sterlina sia crollata ai minimi storici questa settimana, lasciando il costo dei prestiti del Regno Unito vicino a quello della Grecia. “Stiamo affrontando tempi economici difficili”, ha detto Truss, che solo questo mese ha assunto la carica di primo ministro del Regno Unito, alla radio locale della BBC. “Non lo nego. Questo è un problema globale. Ma ciò che è assolutamente giusto è che il governo del Regno Unito è intervenuto e ha agito”.

Il Mortage ETF scende a un nuovo minimo

Questa mattina l’ETF (REM) di iShares Mortgage Real Estate Capped è crollato di oltre il 5%, toccando un nuovo minimo risalente a maggio 2020. Il fondo è sulla buona strada per il suo mese peggiore da marzo 2020; è crollato del 25% a settembre.

I cali si verificano quando i tassi ipotecari continuano a salire alle stelle e con la Federal Reserve che continuaa rialzare i tassi, le discese potrebbero continuare. Il tasso di interesse medio su un prestito fisso di 30 anni è ora del 6,70%, secondo nuovi dati di Freddie Mac: in aumento rispetto al 6,29% di una settimana fa. Anche i prezzi delle case hanno iniziato a rallentare poiché i prestiti diventano proibitivi.