Gestito, raccolta in flessione a luglio. Ancora stop per i fondi comuni, prosegue fuga dai Bond

11 Settembre 2018, di Alessandro Chiatto

Nel mese di luglio il settore registra riscatti per 483 milioni di euro mentre la raccolta netta del sistema da inizio anno è positiva per 9,3 miliardi. Sono le principali evidenze del consueto report mensile di Assogestioni. Il patrimonio gestito dall’industria supera i 2 miliardi di euro (2,062). Nel dettaglio, sono 1.058 i miliardi investiti nelle gestioni collettive, pari al 51% delle masse. Gli AUM impiegati nelle gestioni di portafoglio ammontano a poco più di un miliardo e pesano per il 49% sul totale degli asset.

In flessione la raccolta dei fondi aperti di 1,1 miliardi, appesantita dai prodotti monetari (- 1,8 miliardi) e, soprattutto, dagli obbligazionari (-2,6 miliardi). È invece positivo il saldo dei fondi di lungo termine (+714 milioni), sostenuti dai prodotti azionari (+1,2 miliardi), dai bilanciati (+1,1) e dai flessibili (+1).

A livello societario, la raccolta migliore di luglio appartiene ad Amundi, con 1,037 miliardi di euro. Seguono Anima Holding (525,6 milioni), Morgan Stanley (379,8), Azimut (369,4) e UBI Banca (344,9). Devono fare i conti con deflussi superiori ai 2,4 miliardi di euro il gruppo Generali (-1,9 miliardi i riscatti dai fondi aperti).