Germania e Norvegia costruiranno un impianto per l’idrogeno

6 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

La Germania ha appena fatto un passo avanti verso la ricerca di un sostituto più verde e a lungo termine del gas naturale e del carbone russi. Giovedì il produttore di energia tedesco RWE e la società energetica statale norvegese Equinor hanno annunciato l’intenzione di costruire centrali elettriche alimentate a idrogeno in Germania nei prossimi anni, nonché un importante gasdotto tra i due paesi per alimentarle.

L’accordo, che non è ancora legalmente vincolante, fa parte degli sforzi della Germania per eliminare gradualmente tutte le centrali elettriche a carbone entro il 2030 e decarbonizzare il proprio settore energetico. Berlino si è radicalmente allontanata dalla Russia come fonte di energia dalla sua invasione dell’Ucraina e ha bisogno di trovare fornitori alternativi sicuri.

“Attraverso questa collaborazione rafforzeremo la sicurezza energetica a lungo termine per il principale paese industriale europeo”, ha dichiarato Anders Opedal, CEO e presidente di Equinor.

Le centrali elettriche, di proprietà congiunta di RWE ed Equinor, funzioneranno inizialmente con gas naturale prodotto in Norvegia prima di passare all’idrogeno “blu”, anch’esso prodotto in Norvegia utilizzando gas naturale e pompato attraverso il gasdotto sottomarino, hanno affermato le società.

Più del 95% dell’anidride carbonica emessa durante la produzione di idrogeno sarà catturata e immagazzinata sotto il fondale marino, hanno aggiunto. Equinor prevede di sviluppare una capacità di produzione di 2 gigawatt per l’idrogeno “blu” entro il 2030. L’obiettivo finale è generare il cosiddetto idrogeno “verde” utilizzando energia rinnovabile prodotta da parchi eolici offshore, hanno affermato, senza fornire date obiettivo.

“In questo contesto, garantiremo l’integrità ambientale e climatica stabilendo, ad esempio, gli standard più elevati possibili per la cattura e lo stoccaggio del carbonio. Entrambi i paesi puntano ad aumentare rapidamente la produzione di energia rinnovabile, un prerequisito per la produzione di idrogeno verde. L’idrogeno verde può successivamente essere introdotto gradualmente nell’infrastruttura di trasporto comune”, è stato dichiarato da entrambe le nazioni durante l’incontro.

L’Unione Europea ha l’obiettivo di costruire una capacità di produzione di idrogeno rinnovabile di 40 gigawatt entro il 2030.

Ha affermato Markus Krebber, amministratore delegato di RWE, nella dichiarazione:

“C’è un urgente bisogno di una rapida accelerazione dell’economia dell’idrogeno”,

“L’idrogeno blu in grandi quantità può iniziare ad essere utilizzato, con la successiva conversione in fornitura di idrogeno verde”.

Le società non hanno dichiarato quante centrali elettriche intendono costruire o il valore dei loro investimenti congiunti.

La Norvegia è ora il più grande fornitore europeo di gas naturale, secondo le statistiche ufficiali dell’UE. Da quando la Russia ha iniziato a tagliare le sue esportazioni verso il blocco come rappresaglia per le sanzioni europee sulla guerra in Ucraina, il paese nordico ha aumentato le proprie esportazioni per aiutare a colmare il divario.

In una conferenza stampa a Oslo questa mattina, Robert Habeck, vicecancelliere tedesco e ministro per gli affari economici e l’azione per il clima, ha dichiarato che mentre il suo partito dei Verdi era molto scettico sull’idrogeno blu, ora crede che sia necessario ridurre rapidamente emissioni di carbonio.

“Finché non abbiamo altra alternativa, non possiamo semplicemente ‘aspettare e vedere’ più a lungo. Se me lo chiedi, preferirei mettere la CO 2 nel terreno piuttosto che nell’atmosfera.”

“Nel bel mezzo della crisi energetica, vediamo quanto sia importante la Norvegia come fornitore affidabile di gas per l’Europa, ma vediamo anche quanto sia fondamentale passare più rapidamente a più energia rinnovabile”, ha detto ai giornalisti a Oslo giovedì il primo ministro norvegese Jonas Gahr Stoere.