Germania: BMW dona soldi al partito di Angela Merkel

16 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

BERLINO (WSI) – Proprio mentre il Parlamento italiano sta discutendo di come rivedere il sistema di finanziamento pubblico e privato ai partiti, in Germania piovono polemiche sulla cancelliera tedesca Angela Merkel. Alcuni partiti dell’opposizione infatti l’hanno accusata di aver ricevuto una donazione non trasparente da parte della BMW, la casa automobilistica, lo scorso ottobre.

A meno di due settimane dalle elezioni generali in Germania, tre grandi azionisti della casa automobilistica, Johanna Quandt e i figli Stefan Quandt e Susanne Klatten, hanno versato 690 mila euro nelle casse del partito, stando a quanto riferito dall’emittente CNBC.

La polemica è stata subito smorzata dalla BMW e dal partito Cdu i quali hanno affermato che le donazioni non sono assolutamente legate ad agevolazioni politiche, che non vi è alcuna relazione sulle scelte politiche e che non è la prima volta che la BMW dona del denaro a dei partiti politici.

La situazione rimane calda, soprattutto perché la Merkel deve formare un nuovo governo cercando degli alleati. È però da tempo che la Cdu si batte per posticipare i limiti sulle emissioni di Co2 in Unione europea ed in questo modo favorisce le Case automobilistiche di lusso tedesche.