George Soros, le quattro nuove scommesse del suo portafoglio

15 Novembre 2021, di Alberto Battaglia

Il Soros Fund Management, il family office del celebre finanziere ungherese George Soros, ha registrato, alla fine del terzo trimestre, alcune nuove partecipazioni importanti nel mondo real estate e finanziario.

Soros, i nuovi titoli in portafoglio

Mentre il portafoglio azionario Usa della società nel suo complesso si è rimpicciolito al di sotto della soglia dei 5 miliardi di dollari, la Soros Fund Management ha inserito al suo interno Goldman Sachs, JPMorgan Chase, ma anche su Hill-Rom Holdings, una società attiva nelle tecnologie mediche e MGM Growth Properties, un fondo di investimento immobiliare.
Le scommesse di Soros si sono ampliate, poi, su altri titoli già presenti nella strategia della società: IHS Markit, società nota nel mondo per le analisi sui direttori degli acquisti, Dr Horton, società attiva nel settore edilizio.

A uscire dal portafoglio del family office di Soros, invece, la società attiva nella produzione di ascensori Otis e il costruttore di veicoli elettrici QuantumScape.

E’ quanto emerge dalle dichiarazioni obbligatorie depositate venerdì scorso alla Sec dalla Soros Fund Management e riprese dall’agenzia Bloomberg. Più nel dettaglio la società deteneva alla fine del terzo trimestre titoli azionari statunitensi per un valore di 4,96 miliardi di dollari, con un calo di 205,2 milioni rispetto al trimestre precedente.

L’uscita di QuantumScape non dovrebbe far pensare a un disinteresse di Soros sul mondo dell’auto elettrica. Come sottolineato da Naka Antonelli su Finanza.com, la società del finanziere ungherese è stata fra le sostenitrici dell’Ipo di Rivian, costruttore di pickup elettrici sbarato a Wall Street meno di una settimana fa (debuttando con un balzo del 38% sul prezzo dell’offerta iniziale). Ad aver investito su Rivian anche alcuni grandi nomi, fra cui, Amazon, T. Rowe Price, Coatue Management, Franklin Templeton, Capital Research Global Investors, D1 Capital, Third Point Investors, Blackstone e Dragoneer Investment Group.