GE presenta una nuova centrale con livelli di flessibilità ed efficienza senza precedenti per d

25 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

GE (NYSE: GE), la cui tecnologia contribuisce a produrre un quarto dell’elettricità mondiale, ha annunciato una nuova centrale elettrica, prima nel suo genere, in grado di garantire livelli di flessibilità e di efficienza senza precedenti. Capace di reagire velocemente alle fluttuazioni dell’energia eolica e solare, il sistema favorirà l’integrazione di una maggior quantità di risorse rinnovabili all’interno della rete di distribuzione elettrica. La nuova centrale a ciclo combinato FlexEfficiency 501 vanta una potenza complessiva pari a 510 megawatt e raggiunge un’efficienza di consumo di combustibile superiore al 61%. L’impianto è il frutto di un investimento di oltre 500 milioni di dollari in attività di ricerca e sviluppo da parte di GE, e costituisce un traguardo fondamentale nell’impegno della Società verso la creazione e l’implementazione di tecnologie capaci di fornire risorse energetiche più pulite ed efficienti in tutto il mondo. Mentre le attuali centrali elettriche sono in grado di garantire alternativamente flessibilità o elevata efficienza , la nuova centrale sarà invece capace di combinare entrambi i vantaggi. GE ha denominato ‘FlexEfficiency’questa combinazione di flessibilità ed efficienza che diventa essenziale affinché l’energia rinnovabile si integri nelle reti di distribuzione globali su larga scala in maniera economicamente conveniente. GE ha messo a frutto le proprie competenze nel settore dei motori aeronautici per progettare un impianto in grado di eseguire il ramp-up a una velocità di oltre 50 megawatt al minuto, il doppio rispetto ai valori registrati negli attuali benchmark del settore. Una simile flessibilità operativa consentirà alle società elettriche di erogare rapidamente la piena energia quando necessario, riducendo il carico quando cala la richiesta, bilanciando in modo efficace ed efficiente la rete di distribuzione e contribuendo ad un maggiore utilizzo delle energie rinnovabili, come l’eolico e il solare. Un impianto FlexEfficiency 50 sarà in grado di fornire una quantità di energia sufficiente a supportare il fabbisogno di oltre 600.000 nuclei familiari europei. Più energie rinnovabili con il gas naturale “Mentre i nostri clienti sono impegnati a utilizzare sempre di più le energie rinnovabili, la sfida relativa alla stabilità della rete si accentua. Gli operatori sono sotto pressione per ottenere sempre maggiori livelli di efficienza e minori emissioni dalle centrali a gas naturale. L’impianto FlexEfficiency 50 genera grandi opportunità di crescita in un segmento nuovo per la nostra tecnologia di turbine a gas ed è allo stesso tempo in linea con la nostra volontà di costruire un futuro energetico più pulito”, ha spiegato Paul Browning, Vice Presidente, Thermal Products. “Per anni abbiamo lavorato allo sviluppo di una tecnologia che riuscisse da un lato a garantire livelli di efficienza rivoluzionari e dall’altro a vincere le sfide alla stabilità della rete provocate dall’eolico e dal solare. Oggi, la definizione e l’imposizione di nuovi standard per le emissioni da parte di diversi Paesi genera a maggior ragione l’irrinunciabile bisogno di un mix tra efficienza e flessibilità”. La centrale FlexEfficiency 50 è il primo prodotto del nuovo portafoglio GE FlexEfficiency e fa parte del progetto GE ecomagination con l’obiettivo di mettere a punto tecnologie innovative per un’energia pulita attraverso investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione. Il lancio fa seguito ai recenti annunci della Società relativi alla turbina eolica più efficiente al mondo, ai massimi livelli di efficienza registrati nel segmento del solare a film sottile e alle acquisizioni per 11 miliardi di dollari che rafforzano l’offerta nei settori del gas naturale e della trasmissione di energia. “Buona parte della moderna tecnologia di generazione è al servizio di una rete che appartiene al passato. Istituzioni e singoli sono alla ricerca di soluzioni economicamente efficienti per usare risorse come il solare e l’eolico su larga scala. L’ostacolo però è rappresentato dalla convinzione che queste tipologie di energia possano essere semplicemente aggiunte alla rete di distribuzione già esistente”, ha sottolineato Steve Bolze, Presidente e CEO di GE Power & Water. “. Noi di GE abbiamo investito per rafforzare la nostra offerta globale in modo da proporre una produzione energetica efficiente nelle varie tecnologie per l’energia pulita. Ci aspettiamo che l’innovativo approccio FlexEfficiency contribuisca a sfruttare al meglio le abbondanti risorse di gas naturale, dandoci la possibilità di aprire la strada verso un più rapido processo di adozione delle energie rinnovabili a fronte di un minor impatto sulle risorse naturali”. La sostenibilità come parte del design Gli ingegneri di GE sono stati in grado di evitare il tipico compromesso tra flessibilità ed efficienza grazie ad un approccio nella progettazione della centrale basato su una visione complessiva delle attrezzature e dei sistemi di controllo, favorendo pertanto l’allineamento tra efficienza e flessibilità. La centrale FlexEfficiency 50 è quindi stata predisposta per operare con la massima flessibilità utilizzando una turbina a gas 9FB di nuova generazione a 50 Hz, il valore di frequenza più diffuso al mondo; una turbina a vapore 109D-14 che funziona sfruttando l’energia termica scaricata dalla turbina a gas; un generatore GE W28 avanzato; un sistema di controllo integrato Mark VIe che collega tutte le diverse tecnologie; e infine un generatore di vapore a recupero termico. “Secondo le stime, entro il 2030 la domanda globale di energia è destinata a raddoppiare e la produzione elettrica arriverà a pesare per il 40% delle emissioni totali di gas serra; questa prospettiva spinge governi e utility ad prendere seriamente in esame l’impiego di metodi di produzione più efficienti”, ha sottolineato Ricardo Cordoba, Presidente di GE Energy, Western Europe and North Africa. “L’innovazione introdotta può avere effetti considerevoli sulle emissioni di CO2, offrendo un approccio snello e ottimale anche sul fronte dei costi per aiutare i Paesi della UE a raggiungere gli obiettivi energetici2 20-20-20″. L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha concluso, in un report pubblicato ieri, che è possibile prevedere il ricorso a una larga percentuale di energia rinnovabile variabile fintanto che i mercati e i sistemi elettrici siano adeguatamente configurati in modo da poter trarre il massimo profitto dalle risorse flessibili a disposizione. La centrale a ciclo combinato FlexEfficiency 50 offre livelli senza precedenti di flessibilità per semplificare questa sfida senza sacrificare l’efficienza nell’uso dei combustibili. Per ulteriori informazioni: http://www.ge-flexibility.com e http://www.ecomagination.com/technologies/flex-efficiency. General Electric GE (NYSE:GE) è un’azienda attiva nel settore delle tecnologie avanzate, dei servizi e della finanza, impegnata nella soluzione di alcuni dei problemi più complessi del mondo. Dedicata all’innovazione nel campo dell’energia, sanità, trasporti e infrastrutture, GE opera in oltre 100 Paesi e impiega più di 300.000 persone in tutto il mondo. Per maggiori informazioni: www.ge.com. GE serve il settore dell’energia sviluppando e schierando tecnologie che aiutano a rendere efficiente l’uso delle risorse rinnovabili. Con 90.000 dipendenti in tutto il mondo e fatturato pari a 38 miliardi di dollari nel 2010 , GE Energy www.ge.com/energy è uno dei principali fornitori al mondo di tecnologie per la generazione e la distribuzione di elettricità. I business che costituiscono GE Energy- Power & Water, GE Energy Services e GE Oil & Gas – lavorano congiuntamente per fornire prodotti e soluzioni integrate in tutte le aree dell’industria energetica, incluso carbone, petrolio, gas naturale ed energia nucleare; risorse rinnovabili come l’acqua, il vento, il solare, il biogas ed altri carburanti alternativi. Tutti i comunicati stampa e il materiale fotografico di GE Energy sono disponibili all’indirizzo http://it.geenergyeurope-pressroom.com/ ### 1 In un impianto a ciclo combinato è possibile raggiungere un’efficienza di combustibile maggiore grazie al recupero di energia termica dagli scarichi della turbina a gas che vengono convertiti in vapore per alimentare una turbina a vapore e produrre così una quantità maggiore di energia 2 Gli obiettivi 20-20-20 riguardano la riduzione dei gas serra del 20%, una quota di rinnovabili aumentata al 20% e una riduzione del consumo energetico del 20%, da raggiungere entro il 2020.

Frank FarnelCommunication and Public Affair Manager EuropeGE Energy+33 6 [email protected] VitaccaDesirée BrambillaImageware02 [email protected]@imageware.it