FUTURE: OCCHI PUNTATI SULLA FEDERAL RESERVE

22 Marzo 2005, di Redazione Wall Street Italia

A quasi due ore dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono sulla linea di parita’.

L’attenzione dei mercati e’ concentrata sulla Federal Reserve, che alle 20:15 ora italiana annuncera’ le decisioni sui tassi di interesse. Gli operatori danno per scontato un aumento del costo del denaro di 25 punti base al 2.75%. Le incertezze riguardano pero’ il linguaggio che usera’ il Federal Open Market Committee (FOMC), braccio operativo della Fed, nel documento ufficiale del meeting.

In particolare, sara’ molto importante vedere se la Fed confermera’ il termine “measured” per descrivere il passo con cui intende procedere sulla via delle strette creditizie. Una rimozione di questa parola sarebbe interpretata come un segnale che l’inflazione sta crescendo e che i tassi nei prossimi mesi saliranno a un passo piu’ sostenuto. Aumenti pronunciati di inflazione e tassi d’interesse sono negativi sia per i mercati azionari che obbligazionari.

Passando agli indicatori economici, alle 14:30 saranno pubblicati i dati sui prezzi alla produzione di febbraio. Gli economisti si aspettano in media un aumento dello 0.3%, pari a quello del mese precedente. Il dato “core” (esclusi alimentari ed energia) e’ atteso in rialzo dello 0.1, dopo l’impennata dello 0.8% di gennaio.

Sul fronte societario, Oracle ha vinto la battaglia su Sap per l’acquisizione di Retek: il prezzo che paghera’ per l’azienda e’ di $631 milioni. Oracle pubblichera’ i risultati trimestrali questa sera, dopo la chiusura delle borse.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.50% contro il 4.53% della chiusura di lunedi’. L’oro cede $0.1 a $431.3 all’oncia, il petrolio arretra di 13 centesimi a $57.33 al barile e l’euro viene scambiato a 1.3177 contro il dollaro.

Alle 13:45 (le 7:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in calo di 0.4 punti (-0.02%) a 1185.9 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 1 punto (+0.07%) a 1489.5 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in calo di 6 punti (-0.06%) a 10575 punti.