Future FTSE MIB, l’obiettivo resta quota 21mila

18 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Ancora una settimana positiva per il future sul maggior indice azionario FTSE MIB. Il derivato italiano infatti è tornato nuovamente all’attacco di quota 21mila, ma questa volta superandola, seppur brevemente. Il contratto di dicembre prosegue ormai da cinque mesi la fase laterale, la cui evasione può trovare sostegno soltanto dal break out della resistenza in area 21.500 punti. Al contrario la rottura di immediati supporti potrebbe portare la curva a rivedere i minimi di agosto. Intanto Bankitalia lancia un nuovo allarme disoccupazione: quella reale, secondo l’ultimo bollettino economico, è all’11%. Ma è critica anche la fotografia scattata dai tecnici di palazzo Koch, secondo cui le previsioni contenute nella Decisione di finanza pubblica potrebbero essere sovrastimate sia per le entrate sia per le spese del 2010. A tale dichiarazioni la replica del Ministero dell’Economia: il “presunto crollo delle entrate tributarie è esclusivamente dovuto al venir meno, quest’anno, di entrate una tantum registrate nel 2009”. Il future chiude i cinque giorni a 21.030 punti dopo essere salito fino al top 21.195 e mette a segno una performance settimanale positiva dell’1,28%. Per le prossime sedute va posta particolare attenzione all’area di resistenza vista a 21.345 con target successivo stimato a 21.500. Supporto a 20.725.