Future E-mini Nasdaq 100, torna a far paura la deflazione

19 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Frena l’economia americana: indici manifatturieri in ribasso, calo delle vendite al dettaglio, diminuzione dei prezzi al consumo e alla produzione. Oltre alla Fed che comincia a mostrare segni di preoccupazione sulle sue sorti. Previsioni meno ottimistiche sono emerse infatti dalle minutes del Fomc della riunione di giugno, con l’istituto che non ha escluso nuovi stimoli all’economia nel caso la situazione peggiori. La banca centrale ha tagliato le stime di crescita per il 2010 alla forchetta 3,2-3,7% rispetto al precedente range 3-3,5%. L’incertezza è emersa anche sulla disoccupazione, prevista all’8,3-8,7% per fine 2011. Il future E-mini Nasdaq 100, chiude così i 5 giorni a 1.802 punti e mette a segno una performance settimanale negativa dell’1%. Il quadro di medio periodo resta impostato al ribasso, tuttavia va segnalata la reazione positiva della curva al brusco calo sofferto nella seconda metà di giugno. Per le prossime sedute va posta particolare attenzione all’area di supporto vista a 1.779,25 con ulteriore target visto a 1.767,75. Resistenza a 1.834,25.