Forex: perché le valute oceaniche stanno aumentando in questo momento

23 Febbraio 2022, di Gianmarco Carriol

La Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) ha votato per aumentare l’Official Cash Rate (OCR) dallo 0,75% all’1,00%. Sebbene si sia discusso sull’opportunità di aumentare di 25 o 50 punti base, i mercati hanno effettivamente risposto al fatto che la Banca ha alzato il proprio punto di vista sul tasso terminale, il tasso associato alla piena occupazione, dal 2,5% al ​​3,35% entro la fine del 2024 .

La previsione futura di un innalzamento dei tassi ha innalzato il valore del dollaro neozelandese (NZD) rispetto al dollaro (USD) e alle altre controparti del G10. La Banca cerca anche di liquidare le sue partecipazioni obbligazionarie scegliendo di non reinvestire i proventi.

Resta da vedere se le recenti rivelazioni della RBNZ hanno fornito lo slancio necessario per invertire la precedente tendenza al ribasso di NZD/ USD, tuttavia, la prospettiva di tassi più elevati per un periodo più lungo dovrebbe quantomeno supportare NZD.

Livelli tecnici chiave : NZD/USD

La coppia NZD/USD continua a crescere all’interno di un canale ascendente, proprio come ha fatto alla fine del 2021 e all’inizio del 2022 prima di scendere. Mentre l’azione sui prezzi si avvicina al limite superiore del canale e si dirige verso il territorio di ipervenduto sull’RSI , sarà interessante vedere se le proiezioni dei tassi di interesse della RBNZ si riveleranno sufficienti per superare il canale. Una chiusura sopra 0,6791 evidenzierebbe la zona di resistenza settimanale compresa tra 0,6900 e 0,6940.

Se il canale dovesse reggere e i prezzi si ritirassero, il livello di 0,6700 diventa il punto di decisione per una potenziale continuazione rialzista (rimbalzo di 0,6700) o un breakdown, verso 0,6592 e il minimo annuale.

Posizionamento in NZD

Il posizionamento speculativo tramite il commitment of traders (COT) data da parte della CFTC evidenzia dove sono posizionati gli  “smart money”. Nel complesso, i grandi speculatori sono considerevolmente short netti, anche se il recente rialzo delle posizioni lunghe dovrebbe essere monitorato nel caso in cui preimpostasse le prime fasi di un’inversione del sentiment.

Dati CoT: net short, long

Il Dollaro Australiano correlato al rischio continua a salire

Il nervosismo e l’incertezza generale sono comparsi nei mercati azionari globali e l’oro è aumentato bruscamente insieme al petrolio. Questi sono tipici in tempi di incertezza geopolitica, tuttavia, il dollaro australiano associato al rischio continua ad apprezzarsi senza sosta.

La recente performance dell’AUD è stata piuttosto sorprendente, in particolare se confrontata con lo yen giapponese, una valuta generalmente considerata un rifugio sicuro in tempi turbolenti. Sulla scia dell’aumento dei prezzi del ferro insieme alla forte domanda cinese, potrebbero avere un ruolo importante nel sostenere il dollaro australiano.

Livelli tecnici chiave: AUD/JPY

Il dollaro australiano ha impressionato nelle ultime 48 ore, in forte rialzo rispetto al dollaro statunitense e allo yen giapponese. L’AUD/JPY ha accelerato facilmente sopra 82,87, poi il 61,8% di Fibonacci e ora si avvicina a 83,75.

Tuttavia, l’AUD rimane vulnerabile a ulteriori potenziali escalation in Ucraina e se lo spazio FX inizia a scontare un rischio sostanziale, l’AUD è solitamente in prima linea. Il supporto più vicino è a 82,87.

Posizionamento AUD

Analogamente a NZD, l’AUD è fortemente short netto se si guarda a come sono posizionati i grandi speculatori. Ciò potrebbe pesare sul successivo slancio al rialzo dell’AUD.

Dati CoT: net short, long