Fondo da $53 miliardi fugge dalla Borsa. La ragione è Trump

28 Agosto 2017, di Livia Liberatore

Il più grande fondo pensioni finlandese Varma, da 53 miliardi di dollari, ha deciso di ridurre la sua quota di azioni americane nel portafoglio. L’amministratore delegato di Varma, Risto Murto, ha attribuito la scelta alla mancanza di una vera leadership nell’economia più forte del mondo. “Sembra che non esista nessun presidente negli Usa”, ha detto Murto in un’intervista a Helsinki, “se guardo il potere morale e pratico non esiste più un presidente tradizionale”.

Secondo Murto, l’atteggiamento della presidenza verso la Corea del Nord e verso le violenze dei suprematisti bianchi a Charlottesville ha trasformato gli Usa in una fonte di rischio politico globale. Il programma legislativo su cui gli investitori speravano per sostenere la crescita economica sembra essere bloccato e l’incapacità di Trump di lavorare con il Congresso è preoccupante. Varma ha ridotto il suo peso azionario del 5% nel secondo trimestre, principalmente attraverso il taglio delle scorte statunitensi.

Il fondo ha anche abbreviato la durata dei suoi investimenti a reddito fisso utilizzando derivati. Alcune delle riduzioni di scorte statunitensi hanno a che fare con la realizzazione di profitti dopo “una buona corsa delle azioni da febbraio 2016”, ha detto il capo degli investimenti Reima Rytsola, “ma la linea di fondo è che siamo preoccupati”.

La notizia è parte di un fenomeno più ampio che sta coinvolgendo il mercato azionario americano. Il paradosso è che mentre la Borsa è ai massimi, deve fare i conti con i flussi in uscita più grandi degli ultimi 13 anni, secondo i dati forniti da Bank of America. Dalla fine di giugno le uscite sarebbero state per 30 miliardi di dollari.