Fondi immobiliari: in Italia patrimonio supera i 50 mld, secondi in Europa

18 Giugno 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il patrimonio immobiliare dei fondi italiani ha superato i 50 miliardi di euro nel primo semestre 2014, con una crescita pari al 5,4%. A fine 2013 i miliardi di euro erano 39. L’ Italia conquista la seconda miglior performance a livello europeo con un patrimonio netto cresciuto di sedici volte in quindici anni, secondo i dati forniti da Scenari Immobiliari, società di ricerca specializzata indipendente, presieduta da Mario Breglia.

“La crisi immobiliare è finita”, ha detto Mario Breglia, “la ripresa è ancora lenta, ma il trend positivo dei fondi immobiliari può avere importanti effetti su tutti i mercati non residenziali. Solo il mercato della casa dovrà attendere per ripartire”. Le prospettive future, secondo Scenari, indicano un ulteriore sviluppo per i fondi immobiliari per la presenza di nuovi operatori del settore pubblico e per un ruolo più importante degli investitori esteri.

In Europa il patrimonio dei fondi e dei Reit ha toccato i 710 miliardi di euro, con un aumento del 14,5 per cento in un anno. Per quanto riguarda i soli fondi immobiliari, la crescita è stata dell’8,3 per cento e nel 2015 il patrimonio complessivo dovrebbe superare i 450 miliardi di euro.

Il patrimonio del fondi immobiliari e dei reit (real estate investment trust) ha registrato la crescita record a livello mondiale, mettendo a segno un +14,7% sul 2012. La raccolta ha superato i 1.950 miliardi di euro. E’ il miglior risultato degli ultimi 5 anni. E sono rosee le previsioni per l’anno in corso che sta già registrando l’ulteriore incremento a due cifre per il risparmio gestito a contenuto immobiliare (fondi e reit) con un patrimonio che da gennaio 2014 ad oggi è cresciuto ancora, superando i 2 mila miliardi di euro.