Fmi: Italia, lavoro femminile. Tra i peggiori in Ue

4 Aprile 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – “Il vostro è uno dei paesi della zona euro che incoraggiano meno la partecipazione delle donne al mercato del lavoro”. E’ questo il monito principale rivolto all’Italia da Christine Lagarde, direttore generale del Fondo monetario internazionale, che in un’intervista al Corriere della Sera auspica “un cambiamento di rotta” che avrebbe “effetti benefici sulla produzione di reddito aggiuntivo e, quindi, sulla stagnazione”.

E indica una via: usare incentivi fiscali e guardare all’Olanda, paese che in questo campo “ha dato la possibilità di creare lavori flessibili part time senza alcuna restrizione”, via seguita aggiunge anche dalla Corea.

Lagarde, che giudica “molto ambizioso” il programma di Matteo Renzi, ritiene che “se tradotto in provvedimenti e attuato con determinazione”, esso possa produrre “un significativo miglioramento delle condizioni economiche dell’Italia”. (TMNEWS)