Fmi e Banca Mondiale superati Brics vogliono loro banca

26 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – I leader dei Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa) potrebbero lanciare nella loro riunione annuale, che è iniziata oggi a Durban in Sud Africa, una nuova banca comune da contrapporre alla Banca mondiale e al Fondo monetario internazionale, considerate strutture “occidentali” che “non riflettono i cambiamenti del mondo moderno”. La banca dovrebbe partire con una donazione di 10 miliardi di dollari da parte di ogni membro del gruppo. Sempre oggi si discuterà anche del progetto di mettere in comune le riserve in valuta estera per scongiurare crisi valutarie.

I cinque paesi sono evidentemente alla ricerca di una maggiore influenza nella finanza globale per soddisfare la loro crescente potere economico. Essi hanno chiesto una revisione della gestione della Banca Mondiale e del FMI, che sono state create a Bretton Woods, nel New Hampshire, nel 1944. Secondo un accordo non scritto, il vertice della World Bank è nelle mani di un americano mentre quello del Fondo monetario internazionale è affidato a un europeo. I leader del Brics, che dispongono di valuta estera pari 4,4 miliardi di dollari e rappresentano il 43 per cento della popolazione mondiale, ritengono questo accordo “squilibrato”.

“L’obiettivo principale è la creazione di nuova Bretton Woods più inclinata verso il mondo in via di sviluppo,” ha commentato Martyn Davies, amministratore delegato di Frontier Advisory, società di ricerca sui mercati emergenti, ha detto in un telefono intervista. “C’è uno spostamento del potere verso i paesi emergenti soprattutto in questo periodo di forti preoccupazioni nel mondo occidentale”