Fed, Beige Book: crescita da modesta a moderata

5 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – L’economia degli Stati Uniti e’ cresciuta ad un tasso “da modesto a moderato” in 11 distretti su 12 della Federal Reserve, “con rialzi di ampia portata, tuttavia, “che vanno dai servizi alle aziende, al settore costruzioni, al manifatturiero”, ha comunicato la Banca centrale americana divulgando il suo Beige Book, indagine sull’attivita’ di affari negli Usa riferendosi al periodo aprile-maggio. La Fed evidenzia come siano arrivati “segnali di debolezza innescati dai tagli al bilancio federale”.

A Wall Street gli indici procedono negativi, dopo la divulgazione del Beige Book da parte della Fed. Il Dow Jones perde l’1,17% a 14.999,50 punti (sotto la soglia dei 15000), il Nasdaq cede l’1,02% a 3.410,32 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno l’1,05% a 1.614,28 punti.

Sul fronte occupazionale, le “nuove assunzioni sono aumentate ad un tasso misurato in diversi distretti, con alcune aziende che denunciano la difficolta’ di trovare lavoratori qualificati”, si legge nel Beige Book della Banca Centrale americana. Nel distretto della Fed di Dallas (in Texas) la crescita e’ definita “forte”. “La maggior parte dei distretti ha registrato da leggeri a moderati guadagni nella spesa dei consumatori e un moderato incremento della vendita di auto”, si legge nel rapporto.

Sulla borsa Usa la pressione di vendite si fa di giorno in giorno piu’ intensa, in quanto la Fed, alla luce di questi rapporti, sta considerando se e quando prima ridurre e poi fermare del tutto il programma di stimolo dell’economia noto come QE (Quantitative Easing) che consiste nell’acquisto di $85 miliardi di dollari al mese di bond.

Il prossimo meeting della Fed e’ previsto per il 18-19 giugno; se ci fossero segnali di ripresa dal mercato del lavoro, la Banca centrale Usa potrebbe aspettare meno del previsto a uscire, anche se gradualmente, dal QE.