Ex M5S Federica Salsi: “Movimento? Setta come Scientology”

23 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

BOLOGNA (WSI) – “Il Movimento ha una faccia che brilla ma ha anche un’altra faccia. Se vogliamo vedere solo la faccia che brilla non siamo onesti con noi stessi proprio adesso che ci proponiamo per andare al governo”. A parlare così era Federica Salsi nel 2002, intervistata da Servizio Pubblico.

La vicenda della Salsi è nota. Nel 2011 viene eletta Consigliere Comunale nella lista civica del Movimento 5 Stelle a Bologna ma poi venne espulsa dal Movimento 5 stelle per la sua partecipazione al talk show di RaiTre, Ballarò all’epoca in cui Grillo e Casaleggio avevano imposto ai pentastellati di non andare in tv o parlare con i media, rei di distorcere la verità e nel Gennaio 2013 passa al gruppo Misto.
Proprio in quell’occasione la Salsi, sfogandosi sul web, aveva gettato ombre sul futuro del Movimento.

“Il dissenso non è concepito all’interno del Movimento. Paradossalmente i partiti, con tutti i disastri che hanno arrecato a questo Paese, sono più controllabili dai cittadini di quanto lo siano Grillo e Casaleggio. Non emerge un progetto politico ma uno slogan elettorale”.

E nell’intervista a Servizio Pubblico, la dose è rincarata mettendo in luce non certo buona il M5s.

“Ci sono alcuni atteggiamenti come quelli di Grillo quando lancia l’OPA a Di Pietro o come quello del post nei miei confronti che mettono in serio dubbio la democrazie del movimento. Grillo ha utilizzato un atteggiamento violento nei miei confronti e questo ha scatenato una violenza”.

Ma soprattutto la Salsi paragona i Cinquestelle a Scientology “perché è una setta”. E alla domanda della giornalista se il Movimento proseguirà nel cammino di Scientology, la salsi risponde:

“E’ un brutta fine. Ma è una brutta fine anche per l’Italia”.