“Evasione fiscale è il vero problema dell’Europa”: l’accusa di Rutger Bregman

21 Febbraio 2019, di Livia Liberatore

“Possiamo parlare di giustizia, uguaglianza, trasparenza ma il vero tema sono le tasse e il vero problema è l’evasione fiscale”. A dirlo è il giovane storico e scrittore olandese Rutger Bregman. Dal 2013 promuove il reddito minimo di base e tasse più alte per i patrimoni più consistenti.

Chiamato in causa durante un programma su Fox News, Bregman ha attaccato il conduttore Tucker Carlson, accusandolo di essere un “milionario finanziato da miliardari”. Il video è diventato presto virale sui social media e ha riportato il dibattito sui temi su cui si batte Bregman, fra cui l‘evasione e l’elusione fiscale e la lotta contro la destra populista.

Nel suo libro “Utopia for Realists”, pubblicato nel 2017, lo storico ed economista condanna i populisti anti-immigrati di destra come Donald Trump e l’olandese Geert Wilders.

Bregman è noto per aver detto al World Economic Forum di Davos:

“Quasi nessuno pone la vera questione, quella dell’elusione fiscale. E dei ricchi non stanno pagando la loro giusta quota. Mi sembra di essere a una conferenza dei vigili del fuoco dove nessuno ha il permesso di parlare dell’acqua. Possiamo parlare a lungo di questi stupidi schemi filantropici, possiamo invitare Bono ancora una volta, ma suvvia, dobbiamo parlare di tasse! Tasse, tasse, tasse”.

A confermare che uno dei problemi più grandi dell’economia di oggi è l’evasione fiscale è il nuovo rapporto di Richard Murphy The European Tax Gap”. Secondo lo studio, il “divario fiscale” in Europa causato ogni anno dall’evasione fiscale è compreso tra 750 e 900 miliardi di euro. Il rapporto è stato commissionato dal gruppo socialista e democratico al Parlamento europeo e guarda solo al divario fiscale in Europa. Ma Murphy dice che la stessa tendenza è presente in tutto il mondo.