Eutelia risponde a ipotesi di triangolazioni fraudolente del Sole 24 Ore

5 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – In merito alle notizie di stampa emerse ieri sul Sole 24 Ore, relative ad ipotesi di triangolazioni fraudolente di fatture che avrebbero coinvolto Eutelia con l’obiettivo di “spogliare la liquidità” della stessa Eutelia, la Società, su specifica richiesta di Consob, informa che: le società Betkom Srl e Spiky Srl hanno fornito ad Eutelia servizi di terminazione di traffico (con i quali un operatore prende in carico una chiamata proveniente da un utente “consegnandola” all’utente alla quale la stessa è destinata), in forza di regolari contratti di “interconnessione reciproca” del tutto uguali, in quanto a contenuto e struttura, a tutti gli altri contratti stipulati da Eutelia con gli altri operatori eroganti alla stessa il medesimo servizio di terminazione, e tutti riconducibili alla divisione business cosiddetta “Wholesale-Carriers” di Eutelia. Lo si legge in una nota. In particolare, Eutelia ha usufruito dei servizi di terminazione delle suddette società pagando fatture per euro 7,6 milioni (comprensivi di IVA) nel 2008 ed euro 74 mila (comprensivi di IVA) nel 2009 a favore di Betkom Srl, e per euro 5,4 milioni (comprensivi di IVA) nel 2007 ed euro 13,3 milioni (comprensivi di IVA) nel 2008 a favore di Spiky Srl. Si segnala che nello stesso periodo, il fatturato prodotto dalla divisione “Wholesale-Carriers” di Eutelia è risultato pari a euro 115,6 milioni (45,6 milioni nel 2007 e 70,0 milioni nel 2008). Si precisa che le società Betkom Srl e Spiky Srl non sono parti correlate di Eutelia. La società Voiceplus Srl è titolare di numerazioni non geografiche (numerazioni a valore aggiunto sulle quali vengono erogati i servizi c.d. premium, quali televoto, cartomanzia e in generale di intrattenimento) ospitate sulla rete di Eutelia. Eutelia infatti limita la propria attività all’ospitalità sulla propria rete delle numerazioni altrui (incluse quelle di VoicePlus), ma non svolge più alcuna attività di gestione diretta di proprie numerazioni non geografiche. I pagamenti di Eutelia a favore di Voiceplus derivano da traffico originato da clienti di operatori terzi (tipicamente i principali operatori di rete fissa nazionali), in transito sulla rete Eutelia e terminati su numerazioni Voiceplus. In tale processo, Eutelia raccoglie gli importi dovuti dagli operatori e rigira la quota di competenza a Voiceplus Srl, trattenendo il proprio margine contrattuale. Dal 2006 al 2009 Eutelia ha effettuato pagamenti (comprensivi di IVA) a Voiceplus Srl per euro 96,7 milioni nel 2006, euro 93,8 milioni nel 2007, euro 55,6 milioni nel 2008, euro 25,1 milioni nel 2009, euro 5,1 milioni nel 2010, per un totale di euro 283,3 milioni in 5 anni. Si sottolinea come il fatturato prodotto da Eutelia sull’area dei servizi a valore aggiunto ammonti nello stesso periodo euro 345,2 milioni (i dati relativi al 2010 sono ancora in fase di consuntivazione). Si precisa che la società Voiceplus Srl non è parte correlata di Eutelia. In tutte le suddette fattispecie contrattuali, Eutelia ritiene di aver sempre operato in maniera lecita ai sensi di legge e profittevole per i conti della società. Gli Amministratori di Eutelia hanno dato mandato ai propri legali di tutelare l’interesse della Società in tutte le sedi competenti. Si precisa infine che la Società non è a conoscenza di denuncie presentate dalle organizzazioni sindacali Fiom-CGIL, Fim-Cisl e Slc-CGIL alle Procure di Milano e di Arezzo.