Euro stabile in attesa Ifo

25 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Poco mosso l’euro nelle prime ore della mattinata, dopo il sorprendente balzo della vigilia sulle deludenti statistiche Usa sulle vendite di case esistenti che fanno crescere i timori per la ripresa economica mondiale. Gli investitori scelgono come valuta rifugio lo yen, con il cross usd/yen sui minimi da 15 anni e quello eur/yen sui livelli più bassi da 9 anni. Nelle sale operative stanno circolando alcune indiscrezioni relative a un possibile intervento sul forex da parte dell’esecutivo nipponico, dopo il colloquio telefonico di ieri tra il primo ministro Naoto Kan e il governatore della Banca del Giappone che sembrava essersi concluso con un nulla di fatto. L’apprezzamento dello yen, come ben sappiamo, penalizza la nazione asiatica fortemente orientata all’export. Nel frattempo in Europa l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato il rating sul debito sovrano dell’Irlanda portandolo da AA a AA-, con outlook negativo. Il cross eur/usd sta viaggiando a 1,2657 mentre quello usd/yen vale 84,3. Per la giornata odierna si attende l’Ifo della Germania e in Usa gli ordini di beni durevoli, le vendite di case nuove e le scorte di petrolio settimanali.