Euro ai minimi di 11 anni e discesa continua

5 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

FRANCOFORTE (WSI) – L’euro è scivolato ai minimi di undici anni in attesa della riunione della Bce, cha da marzo lancerà un piano di Quantitative Easing penalizzante per la moneta unica.

Una divisa debole favorisce i gruppi esportatori dell’area euro e potenzialmente i paesi più deboli della periferia.

Alcuni analisti anticipano un prosieguo della discesa e nuovi cali fino al livello di parità sul dollaro Usa.

“L’euro sta perdendo terreno semplicemente perché il mercato non sconta ancora del tutto il programma di quantitative easing che prende il via la prossima settimana”, spiega Greg Gibbs, strategist della regione Asia Pacifico presso RBS said in a note on Thursday.

“Le nuove misure monetarie non sono ancora scontate nei prezzi, la discesa sui livelli di parità potrebbe essere molto veloce”.

L’euro sta subendo perdite pesanti da ieri e ha toccato i minimi di 11 anni di 1,1061 dollari. In chiusura martedì valeva 1,1170 dollari.

Nella riunione odierna, la Bce renderà noti i dettagli del piano di acquisto di titoli obbligazionari da 60 miliardi al mese che prende il via il 9 marzo e farà qualche previsione sull’economia del blocco a 19.

Ma la parte più importante per i mercati valutari sarà quello che dirà Draghi nella conferenza stampa che seguirà. “Quanto l’euro calerà ancora sarà determinato dal livello di pessimismo e dalla propensione a intraprendere altre misure accomodanti di Draghi.

Fonte: Cnbc

(DaC)