Eni in rialzo dopo i conti. La nostra analisi tecnica

28 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

Il gruppo energetico italiano Eni ha dichiarato che gli utili del terzo trimestre hanno superato le aspettative grazie alla buona performance della divisione Global Gas e GNL portfolio. L’utile netto rettificato nel periodo è stato di 3,73 miliardi di euro, in aumento da 1,43 miliardi di euro di un anno fa, e battendo un consenso di 3,21 miliardi di euro. Il gruppo a controllo statale ha alzato le aspettative per l’intero anno per la divisione gas e GNL. L’amministratore delegato Claudio Descalzi ha affermato:

“Nel terzo trimestre del 2022, nonostante un calo dei prezzi del greggio e un rapido calo dei margini di raffinazione, abbiamo continuato a fornire risultati positivi, principalmente grazie alla solida performance delle nostre attività internazionali. Già dal prossimo inverno saremo in grado di rimpiazzare il 50% dei flussi di gas russo facendo leva sul nostro ampio e diversificato portafoglio riserve, sulle partnership di lungo termine con i Paesi produttori e sulla nostra crescente presenza nel business GNL. Nel trimestre abbiamo rafforzato ulteriormente la nostra posizione nella catena del valore del gas grazie all’esplorazione e alle operazioni di acquisizione degli asset gas in Algeria e, nella fase midstream, della nave di liquefazione Tango FLNG per la valorizzazione del progetto gas in Congo”.

È stata una storia simile per la norvegese Equinor, che ha registrato profitti record per il terzo trimestre che hanno battuto le previsioni, guidati dai prezzi del gas europei più alti di tutti i tempi. Il titolo Eni è cresciuto dell’ 1,73% nelle prime contrattazioni, in controtendenza a Milano. “Eni ha riportato numeri forti questa mattina, con EBIT rettificato e utile netto in anticipo rispetto al consenso”, hanno affermato gli analisti di RBC Europe.

Sostituzione della Russia

Eni sostituirà almeno il 50% della sua fornitura di gas russo questo inverno, sfruttando la sua ampia e diversificata base di riserve, le sue relazioni di lunga data con i paesi produttori e una presenza crescente nel gas naturale liquefatto ( GNL ), ha affermato.

Il gruppo, che l’anno scorso ha importato circa 20 miliardi di metri cubi di gas russo, ha aumentato le sue importazioni dall’Algeria e dai paesi nordici per compensare i flussi ridotti da Gazprom a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina. Prevede inoltre di ricevere volumi crescenti di GNL dai paesi africani e dal Qatar a partire dal prossimo anno. “Grazie a un’incessante ottimizzazione degli asset e alle rinegoziazioni dei contratti, sfruttando la diversità e la flessibilità del nostro portafoglio complessivo di gas e GNL , abbiamo ottenuto un EBIT rettificato di 1,08 miliardi di euro (presso la divisione)”, ha affermato il gruppo.

La guidance per l’EBIT per l’intero anno rettificato della sua divisione GGP è stata portata a oltre 1,8 miliardi di euro da una precedente stima di almeno 1,2 miliardi. Il gruppo prevede inoltre di completare il suo programma di riacquisto di 2,4 miliardi di euro entro la fine di quest’anno.

Analisi tecnica del titolo Eni

Rialzo marcato per la società del Cane a sei zampe, che archivia la sessione in rialzo dell’1,69% sui valori precedenti. La partenza è stata promettente per il titolo, che ha esordito a 12,97 euro risultando inferiore ai picchi della giornata precedente, per poi migliorare la performance durante la sessione.

Considerando il breve periodo, il titolo della società mostra un rafforzamento della fase rialzista con immediata resistenza vista a 13,50 e primo supporto individuato a 12,60. Tecnicamente ci si attende un ulteriore rialzo verso nuovi massimi stimati in area 14,25 euro.