Energia: Germania punta all’idrogeno canadese

21 Ottobre 2022, di Alessandra Caparello

Mentre l’Ue raggiunge un’intesa di massima sul gas che introduce un price cap temporaneo, i Paesi membri si muovono in ordine sparso guardando anche all’idrogeno. Nel mese di agosto, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha guidato una delegazione di alti dirigenti politici e commerciali in un viaggio in Canada per “implorare” il Primo Ministro Justin Trudeau di prendere in considerazione l’approvazione di nuovi impianti di esportazione di gas naturale liquefatto (GNL) lungo la costa atlantica del Canada, cosa che Trudeau si è sempre dimostrato restio a prendere in considerazione.

Nonostante la visione del futuro senza combustibili fossili del primo ministro canadese, i due Paesi hanno stipulato ad agosto scorso un accordo dai più definito bizzarro con lo scopo di sviluppare una “catena transatlantica di approvvigionamento di idrogeno“.

L’Europa cerca di ridurre la sua dipendenza dall’energia russa, i leader di Canada e Germania hanno firmato martedì un accordo sull’idrogeno verde, aprendo la strada a una catena di approvvigionamento transatlantica. “È un voto di fiducia per il Canada come leader nell’energia pulita”, ha detto il primo ministro Justin Trudeau durante una conferenza stampa congiunta con il Cancelliere tedesco Olaf Scholz, in visita in Canada ad agosto.

Idrogeno: l’accordo tra Germania e Canada

Il ministro delle Risorse naturali Jonathan Wilkinson e il vicecancelliere tedesco Robert Habeck hanno firmato l’accordo nella città portuale di Stephenville, N.L., dove hanno partecipato a una fiera dell’idrogeno insieme al primo ministro Justin Trudeau e al cancelliere Olaf Scholz.

“Il Canada e la Germania affermano che un nuovo patto sull’idrogeno darà il via a una catena di approvvigionamento transatlantica, con le prime consegne previste in soli tre anni”.

L’accordo di cinque pagine è una “dichiarazione di intenti” per creare un’alleanza sull’idrogeno tra i due Paesi.

“Il mondo avrà bisogno di energia nei prossimi decenni”, ha dichiarato Trudeau. E dovrà anche assicurarsi che questa energia sia a zero”.

Sebbene molti dettagli importanti siano rimasti oscuri, le informazioni di dominio pubblico rivelano quattro fasi previste per questa utopia energetica verde pianificata a livello centrale.

In primo luogo, il piano prevede un massiccio dispiegamento di nuovi parchi eolici lungo la costa occidentale dell’isola di Terranova. L’area è ideale per catturare l’energia dei venti intensi da ovest a est provenienti dall’Oceano Atlantico: Terranova è la regione più ventosa del Canada e la corrente a getto passa proprio sopra l’isola. In secondo luogo, l’elettricità così generata deve essere trasmessa a livelli centralizzati, il che richiederà investimenti significativi in nuove infrastrutture. Una volta che i parchi eolici sono in funzione e l’elettricità può essere raccolta, il terzo passo è la produzione di idrogeno su scala massiccia tramite elettrolisi. In questo caso, la Germania contribuisce con una notevole esperienza tecnologica. Giganti dell’ingegneria come Siemens hanno investito ingenti somme per perfezionare la tecnologia e sono indubbiamente all’avanguardia.

Ma ora viene la parte difficile. Il problema è che capire con quali mezzi si pensa di trasportare grandi volumi di idrogeno da Terranova all’Europa.
Il trasporto dell’idrogeno non è “semplice” come il trasporto del GNL. Secondo un rapporto australiano, si dovrebbe “prevedere che il trasporto di idrogeno sfuso via mare sarà commercialmente fattibile nel 2030”. Michael Liebreich, fondatore di Bloomberg New Energy Finance, sostiene che “Se trasporteremo l’idrogeno su lunghe distanze, sarà attraverso un oleodotto. E se non possiamo farlo con le condutture, non lo faremo”.

La minore densità energetica volumetrica dell’idrogeno rispetto agli idrocarburi liquidi significa che per trasportare la stessa quantità di energia del GNL occorrerebbe un numero di navi tre volte superiore, e la perdita di energia dovuta al raffreddamento e alla liquefazione farebbe salire il numero a quattro. Tecnicamente si può fare, ma economicamente non ha senso produrre idrogeno a un costo di 1 o 2 dollari al kg e trasportarlo in tutto il mondo a un costo di 3 o 5 dollari al kg, ha detto Liebreich”.