Elon Musk presenta i chip cerebrali: entro 6 mesi i primi test sull’uomo

1 Dicembre 2022, di Alessandra Caparello

Non smette di stupire Elon Musk. L’istrionico imprenditore questa volta sorprende sostenendo che la sua società di impianti cerebrali Neuralink potrebbe iniziare i test sull’uomo entro sei mesi.

Neuralink è l’azienda di tecnologia sanitaria di proprietà di Elon Musk, che ha condiviso gli aggiornamenti della sua tecnologia di impianto cerebrale durante un evento pubblico. Durante la presentazione proprio Musk ha sottolineato che due delle applicazioni dell’azienda mireranno a ripristinare la vista anche per le persone nate cieche, e una terza applicazione si concentrerà sulla corteccia motoria, ripristinando “la funzionalità di tutto il corpo” per le persone con il midollo spinale reciso. Musk ha dichiarato che Neuralink potrebbe iniziare a testare la tecnologia della corteccia motoria sugli esseri umani già tra sei mesi. In sostanza con la sua tecnologia di impianto cerebrale Neuralink punta a inserire chip nel cervello che potrebbero consentire ai pazienti disabili di muoversi e comunicare di nuovo.

“Ovviamente, vogliamo essere estremamente attenti e certi che funzionerà bene prima di inserire un dispositivo in un essere umano, ma abbiamo presentato, credo, la maggior parte dei nostri documenti alla FDA, la Food and Drug Administration”.

Così ha detto Musk ma gli esperti dicono che il “clamore è molto preoccupante”. Nessuno dei due chip di Neuralink è stato testato sull’uomo o approvato dalla FDA, il che giustifica lo scetticismo come ha dichiarato Xing Chen, professore assistente presso il Dipartimento di Oftalmologia della University of Pittsburgh School of Medicine alla Cnbc.

“Neuralink è un’azienda, non deve rispondere agli azionisti. “Non so quanto sia coinvolta la supervisione, ma penso che sia molto importante per il pubblico tenere sempre presente che prima che qualsiasi cosa sia stata approvata dalla FDA, o da qualsiasi ente regolatore governativo, tutte le affermazioni devono essere esaminate in modo molto, molto scettico”.

Chi è Neuralink

Neuralink è stata fondata nel 2016 da Musk e da un gruppo di altri scienziati e ingegneri. Si propone di sviluppare interfacce cervello-computer (o BCI), che collegano il cervello umano a computer in grado di decifrare i segnali neurali. Musk ha investito decine di milioni del suo patrimonio personale nell’azienda e ha affermato, senza prove, che i dispositivi di Neuralink potrebbero consentire una “cognizione sovrumana”, permettere alle persone paralizzate di azionare smartphone o arti robotici con la mente e “risolvere” autismo e schizofrenia.

L’ultima presentazione dell’azienda ha fatto eco a queste ambizioni elevate, in quanto Musk ha affermato che “per quanto possa sembrare miracoloso, siamo fiduciosi che sia possibile ripristinare la piena funzionalità del corpo di una persona con il midollo spinale reciso”.

Il dibattito sull’ultima innovazione di Musk

“Le presentazioni appariscenti di Neuralink sono insolite per le aziende che operano nel settore dei dispositivi medici”, ha dichiarato Anna Wexler, assistente alla cattedra di Etica medica e politica sanitaria presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania. Secondo la professoressa è rischioso incoraggiare le persone con gravi disabilità a sperare, soprattutto se potrebbero subire lesioni durante l’impianto della tecnologia durante l’intervento chirurgico.

Wexler ha incoraggiato le persone a indossare il loro “cappello da scettico” sulle grandi affermazioni di Neuralink. “Da un punto di vista etico, credo che il clamore sia molto preoccupante”, ha detto. “Lo spazio o Twitter sono una cosa, ma quando si entra nel contesto medico, la posta in gioco è più alta”.

Secondo Chen, i microchip di Neuralink richiederebbero ai soggetti di sottoporsi a una procedura molto invasiva. I medici dovrebbero creare un foro nel in testa e inserire il dispositivo nel tessuto cerebrale stesso. Ma nonostante questo ci sono persone o disposte a correre il rischio. “Ci sono alcuni disturbi come l’epilessia, il Parkinson e il disturbo ossessivo-compulsivo in cui le persone hanno ricevuto impianti cerebrali e i disturbi sono stati trattati con successo, permettendo loro di avere una migliore qualità di vita”, ha detto Chen. “Quindi ritengo che ci sia un precedente per farlo”.

Non solo Neuralink

Neuralink non è l’unica azienda che cerca di innovare utilizzando le interfacce cervello-computer, e molte hanno fatto passi da gigante negli ultimi anni. Blackrock Neurotech è sulla buona strada per immettere sul mercato un sistema BCI, interfaccia neurale il prossimo anno, il che lo renderebbe il primo disponibile in commercio della storia. Synchron ha ricevuto l’approvazione della FDA nel 2021 per iniziare una sperimentazione clinica per una BCI impiantata in modo permanente, mentre Paradromics si starebbe preparando per iniziare i test sull’uomo nel 2023.

Musk ha mostrato un filmato di una scimmia con un chip per computer nel cranio che gioca a “videogiochi telepatici”, che Neuralink ha presentato per la prima volta più di un anno fa. Il miliardario, che è anche l’amministratore delegato di Tesla, SpaceX e il nuovo proprietario di Twitter, ha dichiarato all’epoca di voler impiantare i chip Neuralink in persone tetraplegiche con lesioni cerebrali o spinali, in modo che possano “controllare il mouse del computer, il telefono o qualsiasi altro dispositivo semplicemente pensando”.