Elezioni Usa: tutti contro Trump. Lui: rivali “matematicamente morti”

25 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – Continua a essere caratterizzata da colpi di scena la campagna presidenziale americana. In casa repubblicana è nuovamente scontro tra Donald Trump da una parte, il superfavorito alla corsa per la casa Bianca e i suoi due rivali, Ted Cruz e John Kasich.

Trump ha un netto vantaggio su Cruz e Kasich in termini di delegati, ma potrebbe ancora non riuscire a raggiungere la soglia dei 1.237 necessaria ad aggiudicarsi la nomination. Se non dovesse riuscirci, alla convention repubblicana il partito potrebbe scegliere un altro candidato. Secondo quanto scrive la Bbc online, Ted Cruz e John Kasich si sono così alleati per contrastare il nemico comune, Donald Trump.

Il primo rinuncerà alla campagna elettorale in Oregon e New Mexico per aiutare Kasich, mentre quest’ultimo lascerà a Cruz l’Indiana, dove chi vince prende tutti i 57 delegati. I due repubblicani hanno presto scoperto che operando in modo compatto in Wisconsin potrebbero riuscire a fermare l’ascesa del magnate newyorchese dando ormai per super favorito alla corsa per la Casa Bianca contro Hillary Clinton. Nello stato di Madison Ted Cruz aveva vinto strappando a Trump 36 dei 42 delegati in palio.

L’intesa siglata tra Cruz e Kasich non riguarda però i 5 stati del Nordest ossia il Maryland, Connecticut, Delaware, Pennsylvania e Rhode Island che saranno al voto nel nuovo Supermartedì dove per i repubblicani sono in palio 172 delegati e secondo un sondaggio Nbc/Wall Street Journal/ Marist il tycoon Trump sarebbe in vantaggio con il 45% , seguito da Cruz al 27% e Kasich al 24%.

“Assolutamente disperati e matematicamente morti”, così Trump ha commentato l’iniziativa dei due suoi rivali. E lo stesso Trump non è visto di buon occhio neanche dal miliardario Charles Koch, da sempre, con il fratello David, sostenitore del Gran Old Party.

In un’intervista alla Abc, Koch ha dichiarato di essere aperto all’ ipotesi di sostenere Hillary Clinton come presidente sostenendo che potrebbe essere meglio dei suoi rivali repubblicani. In particolare il miliardario ha definito “terrificante” il piano di Donald Trump per bandire temporaneamente i musulmani dagli Usa, ma è “spaventosa” anche la proposta di Cruz di bombardare a tappeto i territori dell’Isis“.