EDF, quasi 10 miliardi per nazionalizzarla. Analisi tecnica sul titolo

19 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

La Francia è pronta a pagare quasi 10 miliardi di euro per nazionalizzare completamente EDF, mentre i ministri tentano di affrontare la crisi energetica europea. Il ministero delle finanze francese ha dichiarato oggi di aver offerto 9,7 miliardi di euro o 12 euro per azione per acquistare il 16% di EDF che ancora non possiede.

Il governo del primo ministro francese, Elisabeth Borne, sta cercando di sostenere l’approvvigionamento energetico interno tra le preoccupazioni per le finanze della compagnia energetica. I ministri vogliono agire per evitare che le bollette energetiche aumentino ulteriormente nel mezzo di una crisi dell’approvvigionamento di gas in Europa, causata in gran parte dalle relazioni inasprite con il grande fornitore russo per l’invasione dell’Ucraina.

I dettagli della nazionalizzazione di EDF

L’offerta da 12 euro per azione incorpora un premio del 53% rispetto al valore di chiusura di 7,84 euro per le azioni EDF il 5 luglio, il giorno prima dell’annuncio della nazionalizzazione di Borne. È anche più del cartellino del prezzo di 8 miliardi di euro emerso la scorsa settimana.

Parigi infatti già detiene l’84% di EDF, che negli ultimi tempi ha dovuto fare i conti con una serie di interruzioni alla sua batteria di reattori nucleari, ritardi e aumento dei costi nella costruzione delle nuove strutture, tetti alle tariffe imposti dallo stesso governo per proteggere le famiglie francesi dai costi crescenti dell’elettricità Le azioni di EDF, sospese dal 13 luglio in attesa dei dettagli del piano del governo, sono balzate del 15% a 11,80 euro, per una valutazione dell’intera società a 45,4 miliardi di euro.

“Il prezzo è nella fascia alta, tenendo conto dei concorrenti e delle condizioni di mercato”, ha affermato Gregory Lafitte, analista di Tradition. Lafitte ha aggiunto che la maggior parte delle stime per il prezzo dell’offerta era compreso tra una forchetta di € 10,50 a € 12,50.

L’investimento di quasi 10 miliardi di euro rappresenta una parte considerevole della spesa del governo francese. Il bilancio statale del Paese lo scorso anno ha superato i 400 miliardi di euro, di cui 60 miliardi di euro per la spesa per la difesa e 61 miliardi di euro per le pensioni statali.

Ai titolari del debito convertibile della società saranno offerti € 15,64 per ciascuna obbligazione e l’offerta finale per le azioni EDF sarà presentata all’Autorité des Marchés Financiers entro l’inizio di settembre.

La nazionalizzazione offre una certa certezza sulle finanze di EDF in un momento cruciale per l’azienda. Il presidente e amministratore delegato di lunga data, Jean-Bernard Lévy dovrebbe dimettersi a settembre. “La nazionalizzazione è l’unico modo di salvare la compagnia e assicurare la generazione di energia elettrica”, ha detto Ingo Speich, a capo della sostenibilità di Deka Investment, azionista di EDF. “E’ un boccone amaro ma necessario“.

La produzione nucleare di EDF ha rappresentato il 69% della fornitura di elettricità della Francia nel 2021. Tuttavia, questo livello di fornitura dovrebbe scendere al livello più basso da oltre tre decenni quest’anno a causa di una combinazione di manutenzione, rifornimento di carburante e riparazioni in 12 reattori.

Intanto, lunedì la Francia ha stretto un accordo energetico a lungo termine con gli Emirati Arabi Uniti per le forniture di carburante e gas, mentre sta riducendo la sua dipendenza dal gas russo, che rappresentava circa il 17% delle sue forniture di gas prima della guerra.

Nel Regno Unito, il governo dovrebbe annunciare mercoledì una pianificazione ritardata sul futuro della proposta centrale nucleare di Sizewell C, sostenuta da EDF.

Analisi tecnica titolo EDF

Dopo la chiusura del 12 luglio, le azioni di EDF hanno subito un rialzo del 15% nella giornata di odierna. La notizia sulla totale nazionalizzazione della società gioverà sicuramente al futuro del titolo.

Il prezzo ha violato tutte le resistenza per arrivare a quota 11,730 euro. Le implicazioni tecniche odierne propendono per un ampliamento della performance in senso rialzista.

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia