Ecco l’investimento migliore per le famiglie, rendimenti oltre il 50%

20 Aprile 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – La formazione resta uno dei migliori investimenti che una famiglia possa fare per i propri figli.

E’ quanto emerge da una ricerca congiunta effettuata da Schroders Wealth Management, divisione del gruppo Schroders specializzata nella gestione dei patrimoni dei clienti privati, e Career Paths, società specializzata nella costruzione delle carriere, che confronta gli stipendi medi annui di neolaureati con i costi sostenuti dalle famiglie per la formazione universitaria dei figli.

Da tale confronti si scopre che il “ritorno” che ne consegue non è mai inferiore al 30%. Qualche esempio per capire meglio. Secondo quanto si legge in un articolo di Repubblica, che riporta la ricerca, “a fronte di un costo totale di 31.750 euro per una laurea quinquennale e di uno stipendio medio annuo di 16.800 euro il tasso di rendimento che ne risulta è pari al 53%”.

Leggermente piu’ basso il rendimento se si ottiene una laurea magistrale in Bocconi, dove il costo totale è quantificabile in circa 85.000 euro, con un primo stipendio medio annuo per un neolaureato di 44.346 euro, porta a un “rendimento” pari al 52%.

Le percentuali italiane sono decisamente piu’ alte se paragonate, per esempio a quelle degli Stati Uniti, dove, a causa degli alti costi per la formazione, il tasso medio scende al 30% .

A rendere la formazione italiana piu’ attraente sono i costi ridotti rispetto al resto del mondo. Nonostante questo,  le aziende lamentano che la formazione dei neolaureati è spesso carente rispetto alle esigenze pratiche del mondo del lavoro: mentre il 70% delle università ritiene che le competenze dei giovani siano adeguate, il 42% dei datori di lavoro non condivide tale opinione